La dominatrice

Annie Oakley

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Annie Oakley
Paese: Stati Uniti
Anno: 1935
Supporto: DVD
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 7,05 €)

Annie Oakley è un asso della pistola ma quando viene ingaggiata dal circo di Buffalo Bill ha ancora tanto da imparare. Ad insegnarle i trucchi del mestiere ci pensa Toby Foster, un tiratore esperto. Presto i due si innamorano e tutto va per il meglio fino a quando l'allieva non supererà in bravura il maestro e la rivalità metterà in pericolo l'amore.
  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Dynit RKO, 2014
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 90 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono);Inglese (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Barbara Stanwyck Cover

    "Nome d'arte di Ruby Stevens, attrice statunitense. Interprete fra le più note del cinema hollywoodiano degli anni '30 e '40, dotata di non eccelso talento ma di solido professionismo, ottiene i primi successi diretta da F. Capra (Femmine di lusso, 1930; La donna del miracolo, 1931; Proibito, 1932), per poi brillare in L'amaro tè del generale Yen (1933) e Arriva John Doe (1941). Recita con tutti i più grandi registi hollywoodiani, mostrandosi a proprio agio nei melodrammi, nelle commedie e nei noir, sempre imponendo il suo notevole carattere interpretativo che tratteggia un energico e dirompente modello femminile. Nella sua sterminata e fortunata filmografia spiccano Amore sublime (1937) di K. Vidor, La via dei giganti (1939) di C.B. DeMille, Colpo di fulmine (1941) di H. Hawks, Lady Eva (1941)... Approfondisci
  • Preston Foster Cover

    "Attore statunitense. Presenza costante nel cinema americano degli anni '30 e '40, incarna spesso lo he-man (uomo vero) nei numerosi film che interpreta al fianco delle dive dell'epoca, come B. Stanwyck (La dominatrice, 1935, di G. Stevens; L'aratro e le stelle, 1936, di J. Ford), C. Lombard (La bisbetica innamorata, 1936, di W. Lang), D. Lamour (Notti birmane, 1940, di L. King). Efficace nei vari generi, dall'avventura (Giubbe rosse, 1940, di C.B. DeMille) al film di guerra (Guadalcanal, 1943, di L. Seiler) dal musical (Le ragazze di Harvey, 1946, di G. Sidney) al western (Ho ucciso Jesse il bandito, 1949, primo film di S. Fuller), lo si ricorda soprattutto nel ruolo dell'ambiguo Timothy Foster di Il quarto uomo (1952) di P. Karlson. La sua ultima interpretazione, La tigre in corpo di A.M.... Approfondisci
  • Melvyn Douglas Cover

    "Attore statunitense. Di origini russo-tedesche, inizia la carriera di attore a Broadway e ben presto si trasferisce a Hollywood, dove esordisce sullo schermo in Tonight or Never (Stanotte o mai, 1931) di M. LeRoy. Recita poi in innumerevoli film, passando attraverso i generi più disparati, rivelando una particolare disposizione per la commedia brillante e per le tonalità ironiche dei suoi personaggi. Tra i suoi film più riusciti, Come tu mi vuoi (1932) di G. Fitzmaurice, con G. Garbo, Voglio essere amata (1935) di G. La Cava, con C. Colbert, Incontro a Parigi (1937) di W. Ruggles, Angelo (1937) e Ninotchka (1939) di E. Lubitsch, Volto di donna (1941) e Non tradirmi con me (1941, il film d'addio di G. Garbo) entrambi di G. Cukor. Verso la fine degli anni '40 lascia un segno particolarmente... Approfondisci
Note legali