copertina

Don Chisciotte della Mancia

Miguel de Cervantes

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: Alfredo Giannini
Collana: I grandi romanzi
Tipologia: Libro usato vintage
Anno edizione: 2007
Pagine: LVIII-1311 p.
  • Prodotto usato
  • Condizioni: Usato - In buone condizioni
  • EAN: 2565547261041

€ 48,00

Solo 1 prodotto disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO VINTAGE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Verona, In 4°, leg. edit. ill., pp. 627,(1), con ill. col. di Eduardo Arroyo tiratura f.c. che riprende l'ed. italiana del testo tradotto da Vittorio Bodini e pubblicato da Einaudi condizioni pari al nuovo. (spedizione standard SEMPRE tracciata con raccomandata-piego di libri, eventuale FATTURA da richiedere all'ordine) (L001) ####.
"Qui vivono maestro Nicola, barbiere, e Pietro Pérez, curato, don Chisciotte e Sancio Panza, Ronzinante e Dulcinea del Toboso, il baccelliere Sansone Carrasco e Ginesio di Passamonte, l'arguta Dorotea e don Fernando, qui c'è la grotta di Montesinos e c'è Cervantes fra mille avventure e luoghi fantastici, poi ci sei tu, lettore, primo personaggio del libro, tu che in queste terre di pagine e parole, appena entri, prendi il nome di Alonso Quijano:" (Gian Luca Favetto".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Miguel de Cervantes Cover

    LA VITAQuarto dei sette figli di un modesto chirurgo, trascorse l’infanzia e l’adolescenza tra Valladolid, Salamanca, Siviglia e Madrid; qui, nel 1569, Juan López incluse in una sua relazione alcune poesie di C., definendone l’autore «il nostro caro e amato discepolo»: è questa l’unica testimonianza sulla sua educazione umanistica. Ma già dal 1568 C. si trovava in Italia, al seguito di Giulio Acquaviva: era fuggito per evitare la condanna al taglio della mano destra e a dieci anni d’esilio, decretata contro di lui perché ritenuto colpevole del ferimento di un tale Antonio de Segura. In Italia fu prima cortigiano e, in seguito, militare; la scelta della carriera delle armi lo fece partecipare alla battaglia di Lepanto (1571):... Approfondisci
Note legali