Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Edizione: 2
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 15 febbraio 2017
Pagine: 510 p., Brossura
  • EAN: 9788804670292
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,88

€ 14,50

Risparmi € 3,62 (25%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michele

    31/07/2008 14:42:07

    Una meraviglia! Dicono sia il capostipite del giallo italiano, ma questa opera é molto di più. Personaggi reali che più reali non si può si incrociano sul palcoscenico (la città di Torino), caratterizzati magistralmente dagli autori. La storia si complica man mano che scorrono le pagine, la lettura é piuttosto impegnativa ma mai pesante. Il piacere puro della lettura unito all'intreccio narrativo di un giallo...il massimo! Farò davvero fatica a trovare qualcosa che anche solo si avvicini a questo libro, entusiasmante da tutti i punti di vista. Lo consiglio a chiunque ami la lettura!

  • User Icon

    luca

    14/10/2004 23:31:30

    Veramente interessante. Inizialmente un pò noioso ma nel complesso avvincente e per nulla scontato. Disincantato!

  • User Icon

    mpaul58

    08/01/2004 10:26:10

    Ottimo giallo, molto raffinato, dai personaggi molto ben disegnati psicologicamente, primo giallo di F&L che ho letto. Valido anche per l'ironia e la autoironia di molti personaggi. Forse un pelino insistito su alcuni di essi... comunque ottimo

  • User Icon

    Maurizio Froldi

    10/02/2002 22:02:26

    È un libro da assaporare con calma, non tanto per la lunghezza, quanto per il piacere che deriva dal poter "vedere" e "sentire" ciò che i personaggi sentono e vedono. La finezza della descrizioni e dei dialoghi, infatti, permette di vivere la vicenda dal punto di vista di coloro che la animano. Basterà ricordare la conferenza dell'americanista Bonetto. Particolare curioso: non c'è un protagonista. Ci sono, invece, i tanti personaggi che si muovono attorno a questa vicenda gialla. E ci sono mille altre cose, a cominciare dal divertimento che gli autori hanno provato nel mettere in fila trovate gustosissime. Basterà citarne due, reperibili entrambe all'inizio. Il cattivo di questo giallo torinese gli autori hanno scelto di chiamarlo Garrone. E le "losanghe gialle e azzurre della vetrata" rimandano, dritto dritto, a simili losanghe di un noto racconto di Borges, che Fruttero e Lucentini venerano motivatamente. Oltre a quello principale, c'è un altro enigma, quello del titolo, che si svela solo leggendo l'ultima pagina (a patto di non avere saltato tutte le precedenti).

  • User Icon

    Eugenio

    14/11/2000 11:40:10

    Il miglior giallo italiano, ma chiamarlo giallo è anche riduttivo. Scritto benissimo, con un'ironia che si diffonde lieve su tutte le pagine, è anche uno spaccato sociale della Torino anni settanta. Particolarmente indicato per i conoscitori dell'alta società sabauda, ma godibilissimo per tutti per originalità e ritmo

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione