Donna della parola. Etty Hillesum e la scrittura che dà origine al mondo

Antonella Fimiani

Editore: Apeiron Editori
Collana: Saggi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 27 marzo 2017
Pagine: 192 p., ill.
  • EAN: 9788885978973
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
L’esistenza straordinaria della giovane olandese Etty Hillesum, d’origine ebraica, prende forma in anni cruciali del Novecento: la seconda guerra mondiale. L’Autrice si sofferma sulla figura di donna e di scrittrice per ricostruirne il legame tra vita e scrittura.

Lo scrivere è atto di vita, affermazione esistenziale contro la morte collettiva che investe l’Europa. Denuncia senza appello del male, ma anche affermazione di rara bellezza e di poesia. La scelta di non fuggire alla persecuzione nazista per andare volontaria al campo di Westerbork, l’anticamera di Auschwitz, è letta a partire dall’urgenza della testimonianza. La parola della testimone è l’ultimo atto del linguaggio di fronte ai grandi interrogativi della storia. La ricerca si concentra sulla evoluzione della scrittura dai diari di Amsterdam alle lettere dal campo. Attraverso l’analisi della relazione artistica con il poeta Rainer Maria Rilke, la parola è colta nel suo originario legame con la creazione letteraria per essere seguita fino al racconto della testimonianza. I dialoghi con Hannah Arendt in modo particolare, Primo Levi, Robert Antelme, Elie Wiesel e Jean Améry restituiscono la complessità di un pensiero che anticipa i grandi interrogativi della letteratura del dopoguerra. Una lingua, quella della Hillesum, tracciata dalla attitudine femminile ad accogliere il cambiamento per dare origine al nuovo in atto già nelle macerie.

€ 11,40

€ 12,00

Risparmi € 0,60 (5%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità: