Categorie

La donna mancina

Peter Handke

Traduttore: A. M. Carpi
Editore: Garzanti Libri
Edizione: 5
Anno edizione: 1999
Formato: Tascabile
Pagine: 99 p., Brossura
  • EAN: 9788811668381
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,26

€ 6,72

€ 7,90

Risparmi € 1,18 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    lina

    07/01/2017 18.27.43

    a dir poco scarno. più sceneggiatura che romanzo.

  • User Icon

    Maria Luisa Valeri

    29/03/2013 11.25.25

    E' incredibile ed affascinante come certi uomini possano capire il mondo interiore femminile in modo così sottile e poetico, per poi elaborarlo e riproporlo sotto forma di Grande Letteratura.

  • User Icon

    geffina

    05/11/2011 17.17.36

    Uno si sveglia la mattina e decide di scrivere un libro?così! E il lettore, assetato di ogni genere di lettura, cade nel tranello. L'incipit mi era piaciuto: una giovane donna decide all'improvviso di vivere da sola e costringe il marito a lasciare la casa e il bambino. A questo punto mi sono detta: sarà interessante! Macché, è di un'inconcludenza disarmante, non arriva da nessuna parte. Boh!!!

  • User Icon

    Shiva

    15/09/2008 19.24.35

    Un momento, un momento. Vada per la sperimentazione, vada per il minimalismo linguistico (sotto il cui segno si onora la penna appena discreta dei Carver di turno), vada per l'essenzialità, vada per x e y. Ma "La donna mancina" m'appare assai meno che un eccesso di sperimentazione, di minimalismo. E' un'opera che sarebbe poco definire antiletteraria. La struttura non è ridotta all'ossatura, ma proprio non esiste. E la parola? appiatita e senza tono, lei, così! che per paradosso si fa fatica non dico a visualizzare l'immagine, ma a fissarla, a sentirla, interiorizzarla. Insomma, l'atto del raccontare da-a, che è il senso e il fondamento della narativa, mi pare che latiti, sia altrove. Non restano che pagine sottili come cartavelina, senza il buon sangue d'inchiostro e la responsabilità sentimentale che patisce chi narra il vero o il verosimile.

  • User Icon

    Ilary

    19/10/2005 13.42.49

    Donna Mancina è sicuramente un libro lontano da qualsiasi possibile prototipo. Nella sua semplicità riesce a creare forte "scompiglio" interiore, lasciando nel dubbio quasi tutti i lettori di questo libro. "Chi sono io veramente? E' realmente questo che voglio fare? Sono diventata una perfetta maschera in questo monotono mondo?" Queste sono le domande che ti balenano in mente leggendo "Donna Mancina". Ciononostante il libro riesce a fornirti gli indizi chiave per scoprire il vero piacere della vita..Leggetelo!!!!!

  • User Icon

    Vincent

    12/04/2005 10.31.53

    Romanzo perfetto nella sua essenzialità. La macchina da presa di Hanke, rigorosa e implacabile, svela il percorso di una donna che, con la sua scelta e le conseguenze che ne derivano, tenta di riscoprire se stessa e di riconquistare, spogliandosi di tutto, la propria vita.

  • User Icon

    susi ferrarello

    27/08/2001 12.30.22

    Con uno stile che si trova a metà strada tra la cronaca e la poesia Peter Handke riesce a farci immergere in una vita quotidiana e nello stesso tempo paradossale . Ci fa spiare silenziosamente una donna . Una donna mancina. Diversa. Misteriosamente libera eppure incredibilmente umana. Entriamo nell' immobilità sua e di tutto ciò che la circonda.Ed è nella sua dinamica immobilità che riusciamo poi a riconoscere gli aspetti più pensosi del nostro vivere quotidiano.Leggetelo, vi lascerà curiosi e pieni di domande!

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione