Traduttore: S. Rota Sperti
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 29/06/2017
Pagine: 298 p., Brossura
  • EAN: 9788807889684
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,34

€ 8,42

€ 9,90

Risparmi € 1,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesca

    30/10/2017 14:39:27

    Il libro è uno spaccato nella vita di una donna, uno spaccato di tre mesi in cui la discesa nell'abisso è sempre più incontrollata. da leggere, consigliato. un ritratto psicologico ben tratteggiato.

  • User Icon

    luigiru

    23/05/2016 14:03:12

    Un inizio un po' lento recuperato da un ottimo finale. Nel complesso scritto bene. Bel libro sulle insidie nascoste dentro le nostre comfort zone, ma non comprendo tutto il clamore suscitato negli USA.

  • User Icon

    Gabril

    04/05/2016 08:40:16

    Avviso ai naviganti: è un libro tremendo. Nel senso di angosciante. Di angoscia femminile, pericolosa, senza redenzione. E questo è il tema centrale. Ma ce ne sono altri, collaterali, che ne ampliano e completano il senso. Anna: una donna insoddisfatta, una donna infelice, una donna complessa, tormentata, sola. Cerca rifugio alla sua mancanza radicale nell'avventura dei sensi, anzi: nel sesso, che è sempre elementare, basico, è un rapporto intenso e fulmineo, ma che non può stabilire una vera relazione. Perché Anna vive nascosta nella sua estraniazione, abita l'estrema piega della sua separatezza, custodisce in silenzio il segreto della sua menzogna. Insonne sulla panchina. In viaggio sui treni. Raccolta e compresa dentro i suoi impeccabili vestiti. Circondata da una Svizzera perfetta e straniera. Con una famiglia perfetta e straniera. Senza mai sentirsi a casa. Anna è in cura da una psicologa junghiana, da cui noi lettori apprendiamo molto. Lei invece no. Anna è sposata (con un banchiere, ovviamente) e abita vicino a Zurigo da nove anni, ma ancora non conosce la lingua. Va a lezione di tedesco e anche da questo apprendiamo molto. Perché l'organizzazione linguistica appartiene alla struttura dell'essere, è la grammatica che mette in ordine la realtà. Ma Anna fatica ad accedere a questo ordine. Lei non sa da dove cominciare, si abbandona al sentimento della propria vulnerabilità, che è voluttà, estasi sessuale ma anche sehnsucht, struggimento, il "buco nel cuore da cui fuoriesce ogni speranza". Perché ogni cosa ha una variante, e questo è forse uno dei concetti principali espressi da questa storia: ci sono diversi tipi di verità, diversi tipi di amore, molteplici visioni di sé e dell'altro. Noi abitiamo molte dimore contemporaneamente. Ma a chi è affidato il compito di metterle in ordine, di comprenderle?

  • User Icon

    FRANCESCA

    06/04/2016 08:17:10

    Bellissimo libro, una vera scoperta. Il personaggio di Anna è delineato in modo magistrale, tutte le sue ombre, i suoi deliri, le sue debolezze. Un viaggio nella disperazione di una donna.

  • User Icon

    cesare

    31/03/2016 16:36:23

    Una donna pericolosa ***Jill Alexander Essbaum Una donna tormentata è pericolosa, infatti annoiata di se stessa e della vita che conduce con il marito e i figli in Svizzera , benestante, preferisce scopare in giro per cambiare qualche cosa. Un inzio del racconto che si trascina piuttosto stancamente , ma ha una impennata nel finale. La narrazione acquista classe e stile, tormento e dolore. Purtroppo non è la media narrativa della storia raccontata. Pagg. 298 marzo 2016.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione