Le donne che sconfissero Hitler - Nina Schröder - copertina

Le donne che sconfissero Hitler

Nina Schröder

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: P. Quadrelli
Editore: Pratiche
Collana: Nuovi saggi
Anno edizione: 2001
Pagine: 287 p., ill.
  • EAN: 9788873806806

€ 11,00

Venduto e spedito da Libreria Tara

Solo una copia disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 11,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il 27 febbraio 1943, a Berlino, i camion della Gestapo si fermano davanti a diverse fabbriche in cui gli ebrei sono costretti a lavorare; prelevati e caricati sui veicoli, gli operai sono condotti in vari centri di raccolta sparsi per la città. La retata deve portare alla completa disebreizzazione di Berlino, in occasione del cinquantaquattresimo compleanno del Fuhrer. I detenuti sono quasi tutti ebrei sposati con donne ariane. Sin dal primo giorno si raccolgono in Rosenstrasse centinaia di donne che manifestano per giorni senza gesti di violenza. Dopo una settimana di detenzione, i reclusi vengono liberati. L'indagine di Nina Schroder rivela un evento pressoché sconosciuto in Italia, e che ha raggiunto una certa notorietà in Germania solo nel 1993.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    monica

    04/01/2012 13:48:04

    Questo episodio come pochi altri dimostrano che il coraggio di pochi hanno salvato molti. Il coraggio di molti non avrebbero probabilmente salvato l'Europa dalla follia nazista ma molte piu' vite si. Vivevano sicuramente in quel periodo sentimenti come paura di ritorsioni o sentimenti di disgusto davanti alle persecuzioni degli ebrei, non si puo' colpevolizzare un popolo intero per un crimine di inaudita entita', ma chi viveva in quel periodo non puo' non aver sospettato nulla nel vedere numerose persone in marcia verso un destino sconosciuto e che mai piu' sarebbero tornate. Una testimonianza di coraggio di umanita' ma anche di indifferenza nei confronti della vita umana.

Note legali