Stripe PDP
Salvato in 65 liste dei desideri
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Le donne del cinema. Dive, registe, spettatrici
18,70 € 22,00 €
;
LIBRO
Venditore: IBS
+190 punti Effe
-15% 22,00 € 18,70 €
disp. in 3 gg lavorativi disp. in 3 gg lavorativi
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,70 € Spedizione gratuita
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
20,90 € + 5,95 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
22,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
22,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 8 gg lavorativi Disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
22,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
22,00 € + 8,00 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,70 € Spedizione gratuita
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
20,90 € + 5,95 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
22,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
22,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 8 gg lavorativi Disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
22,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
22,00 € + 8,00 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Le donne del cinema. Dive, registe, spettatrici - Veronica Pravadelli - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Le donne del cinema. Dive, registe, spettatrici Veronica Pravadelli
€ 22,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Di fronte allo schermo, dentro l'immagine, dietro la macchina da presa: spettatrici, attrici e registe, di quali desideri e identificazioni, di quali espressioni e di quali produzioni sono state protagoniste le donne nella storia del cinema? Sedute al buio della sala hanno imitato le loro eroine e si sono riconosciute in loro. Sono state dive irraggiungibili e insieme personificazioni di tipi sociali, come per esempio la New Woman degli anni '20, con la sua relazione inedita con il lavoro, il tempo libero, il sesso. Il libro interpreta le immagini di dive come Clara Bow, Barbara Stanwyck e Joan Crawford sino a Sophia Loren, Jane Fonda e Angelina Jolie. Ma ripercorre anche l'opera delle registe: partendo dal cinema muto, attraversa i classici hollywoodiani, le nouvelles vagues europee, il cinema d'avanguardia femminista, la narrazione sperimentale degli anni '70 e '80, sino al cinema indipendente degli ultimi vent'anni.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2
2014
3 aprile 2014
VII-227 p., Brossura
9788858111093

Voce della critica

 
Il legame tra femminile e cinema rischia spesso di ridursi al ruolo delle attrici, tra divismo del passato e glamour del presente, dando quasi per scontato che concetti quali la bellezza e il desiderio postulino comunque uno sguardo maschile. Il libro di Pravadelli rompe questo luogo comune e articola un’analisi compiuta della triplice dimensione attraverso cui la donna è stata protagonista nella storia del cinema e nella definizione di codici non solo estetici e narrativi, ma anche sociali e culturali, analizzando il piano attoriale, ma anche quello spettatoriale e autoriale.
L’approcio al testo si pone nel solco dei cultural studies, in particolare dei gender studies e dell’importanza che dagli anni settanta ha rivestito la definizione della feminist film theory come apporto fondamentale nel rileggere il cinema, del passato e del presente, considerando anche la questione dell’identità di genere.
In questa prospettiva, il libro riflette sulla centralità delle donne nella storia del cinema, non solo quando appaiono sullo schermo. Costituendo metà delle audience cui si rivolgono i film, le spettatrici hanno sempre svolto un ruolo chiave, non solo per decretare il successo commerciale, in un rapporto che spesso è stato letto solo in senso univoco, per cui il cinema per le donne sembra essere postulato unicamente dagli studi di produzione. Viceversa, Pravadelli articola una riflessione complessa sul ruolo che le spettatrici hanno svolto per la propria emancipazione identitaria, ma anche per orientare i gusti e la produzione industriale, e di conseguenza le scelte produttive e narrative, permettendo ai film un reale successo e la diffusione nell’ìmmaginario collettivo.
In questa prospettiva, il fenomeno del divismo va riletto in modo più articolato, senza essere ridotto a pura costruzione commerciale da parte dell’industria cinematografica. Milioni di sguardi femminili sono la condizione necessaria per cogliere la complessità delle dive e della loro evoluzione nel corso degli anni, in cui dalla pin up si è passati a modelli di donne alternative, con figure intelligenti e ambiziose, mai subalterne. In estrema sintesi, la linea Jean Harlow, Marilyn Monroe, Gina Lollobrigida, Sofia Loren è parallela alla linea Bette Davis, Joan Crawford, Katherine Hepburn, Anna Magnani, fino a una sintesi contemporanea come Angelina Jolie, non a caso perfetta per una post-diva come Lara Croft.
Con qualche amarezza, non appare casuale che la parte più ampia del libro coincida con il ruolo a tutt’oggi meno rappresentantivo del femminile al cinema, ovvero la regia. Dalla pioniera Alice Guy alle avanguardie di Germaine Dulac e Maya Deren, dalle “nuove onde” di Agnès Varda e Vera Chytilova, fino al cinema di genere di Chantal Akerman e Alina Marazzi, le registe spesso sembrano relegate ai margini, in un mestiere ancora molto maschile. Ma il fatto di essere sempre indipendenti, d’avanguardia e rivoluzionarie, forse è la condizione chiave per una pratica del fare cinema che per statuto non può che essere fuori dagli schemi. Non solo di genere.
 
Michele Marangi

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore