Dopo ogni abbandono

Brunella Schisa

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 322 p., Brossura
  • EAN: 9788811694717
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,26

€ 10,90

Risparmi € 1,64 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 5,88

€ 10,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberta

    27/11/2015 12:05:38

    L'autrice,con molta dovizia di particolari, ha creato una storia su un personaggio realmente esistito: Evelina Cattermole alias Contessa Lara, una donna fuori del comune, vissuta a Roma alla fine del diciannovesimo secolo e ferita a morte dall'amante il 30 novembre del 1896. Evelina e' stata una donna bella e affascinante, molto determinata e molto libera per quell'epoca. Una donna indipendente nel lavoro come anche nell'amore e per questo considerata da molti come una donnaccia perche' era riuscita ad essere qualcuno in una societa' prettamente maschile. La parte del processo giudiziario, a mio avviso troppo lungo, e' ricco di dialoghi molto dettagliati e molto interessanti e la descrizione della Roma di fine secolo e' talmente minuziosa che sembra di essere fisicamente sul posto.

  • User Icon

    Simona

    14/01/2011 13:46:01

    No, questo libro non mi convince. L'ho acquistato e iniziato a leggere con grande curiosità ma sono rimasta un po' delusa, pur riconoscendo e apprezzando l'indubbio lavoro e lo stile dell'autrice.

  • User Icon

    sandra ambrosio

    16/09/2009 17:20:58

    Non sapevo nulla della Contessa Lara, al secolo Evelina Cattermole, e questo romanzo mi ha fatto scoprire una figura femminile straordinaria. Una storia avvincente che parte come un feuilletton (la storia è ambientata a Roma nel 1896) e si trasforma in un legal thriller. Una donna di 47 anni uccisa dall'amante più giovane perché troppo libera. Un grande processo in cui la giuria deve rispondere al quesito: Quella donna più scandalosa di Madame Bovary meritava di morire? Brunella Schisa non giudica, non ne fa un'eroina femminista ma ci consegna la Contessa Lara con tutte le fragilità e le ambiguità del personaggio. Le descrizioni della Roma fin de siècle sono tanto vivide da sembrare fotografie. Bisognerebbe farne subito un film! E il finale inaspettato è come un colpo di fucile.

Scrivi una recensione