La doppia vita del giudice Savage

Tim Parks

Traduttore: S. Artoni
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 22 giugno 2005
Pagine: 403 p., Brossura
  • EAN: 9788845919930
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Nominato giudice penale - promozione meritata, nonostante l'evidente convenienza politica di privilegiare un uomo di colore - Daniel Savage, oriundo brasiliano cresciuto nel milieu della migliore borghesia inglese, decide che è giunto il momento di mettere la testa a posto, di smetterla con i molti adulteri e di passare al sereno tran tran matrimoniale, di uomo quasi felicemente sposato, con figli ormai adolescenti. Ma più cerca una vita semplice e convenzionale, e più intorno a lui tutto si complica e i comportamenti appaiono caparbiamente incompresibili. "La doppia vita del giudice Savage" è apparso per la prima volta nel 2003.

€ 11,70

€ 19,50

Risparmi € 7,80 (40%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 10,53

€ 19,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    tina

    22/10/2008 17:07:34

    Noioso, lento, pedante, non ha ritmo, per cui non riesce mai ad essere avvincente, e quindi non ti trasmette emozioni. Quando ad esempio descrive i processi che il giudice presiede sembra di leggere un freddo e pedante resoconto giudiziario di un processo. La parte relativa, ad esempio, al processo riguardante il lancio dei sassi da un cavalcavia, è di una lunghezza e di una pedanteria esasperante tale da mettere a dura prova la pazienza del lettore. I personaggi non sono ben tratteggiati, non capisci il perchè questo giudice entra in crisi e su cosa. Quando faticosamente arrivi alla fine ti chiedi ma cos'è che l'autore aveva in mente di raccontare?

  • User Icon

    Donata Fontana

    16/09/2005 11:20:02

    Ma... io ho trovato lo stile esilarante dall'inizio alla fine. Di tanto in tano impegnativo, ma mai noioso. Un intreccio complesso e affascinante. Uno dei pochi libri lunghi di cui vale la pena leggere ogni parola.

  • User Icon

    Max

    31/08/2005 10:57:24

    Sono io ignorante o è veramente difficle seguire ciò che scrive l'autore? Per me è stato impossibile e francamente noioso.

Scrivi una recensione