Categorie

Editore: Maggioli Editore
Collana: Politecnica
Anno edizione: 2009
Pagine: 192 p.
  • EAN: 9788838751998

La Dorsale Verde del Nord Milano, promossa dalla Provincia di Milano, è il progetto di un grande sistema di spazi aperti, 29.000 ettari, che si sviluppa per oltre sessantacinque chilometri di lunghezza tra Ticino e Adda. La Dorsale mette in rete e collega i molti parchi esistenti, tutela gli spazi aperti agricoli e periurbani, dando forma ad una grande infrastruttura ecologica e ambientale, un "parco" territoriale che percorre trasversalmente le città a nord di Milano. Nel territorio della Brianza il progetto della Dorsale si integra profondamente con quello di 'Molta +Brianza' promosso dalla stessa Provincia. La Dorsale Verde Nord è un progetto possibile e necessario. Occorre recuperare un giusto equilibrio nella crescita della città, rispettando il territorio e la sua storia, e occorre progettare il futuro coniugando sviluppo e abitabilità, città e natura, infrastrutture e ambiente, limitando lo spreco di suolo e ottimizzando le risorse disponibili. E' anche con questa consapevolezza che recentemente molte amministrazioni hanno deciso di difendere spazi verdi, naturali e agricoli, e creare nuovi parchi di iniziativa locale che si aggiungono ai grandi parchi regionali: grazie a queste iniziative migliaia di ettari di territorio intorno ai centri abitati, nelle piane agricole e lungo le valli della Brianza Vimercatese, della Brianza Centrale e Comasca, del Magentino e dell'Alto Milanese, sono oggi tutelati e hanno acquistato un nuovo senso e valore.La Dorsale risponde a diverse ragioni: ecologiche e di tutela; di conservazione di paesaggi esistenti e di creazione di nuovi paesaggi; di integrazione tra infrastrutture, paesaggio e ambiente.La guida vuole essere la chiave d'accesso per riportare la gente a passeggiare in questi spazi, ad esplorarli riconquistandoli e ridando loro i ruoli e i significati che avevano e avranno. La Dorsale Verde Nord è il futuro per questo territorio e per i suoi abitanti.Nella guida vengono riportate oltre 130 segnalazioni: attività agricole, boschi, aree umide, percorsi pedonali e ciclabili, ville, cascine e parchi pubblici disseminati lungo questo territorio da riscoprire.