Dynastie. Concerti - CD Audio di Carl Philipp Emanuel Bach,Johann Christian Bach,Johann Sebastian Bach,Wilhelm Friedemann Bach,Jean Rondeau

Dynastie. Concerti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Plg
Data di pubblicazione: 24 febbraio 2017
  • EAN: 0190295888466
Salvato in 4 liste dei desideri
Jean Rondeau, giovane e ispirato clavicembalista francese, descrive la famiglia Bach come “una delle più grandi dinastie della musica occidentale”. Dopo aver dedicato il suo primo album per Erato, intitolato Imagine, a composizioni del grande Johann Sebastian, ora volge lo sguardo nuovamente al mondo musicale della famiglia Bach per questo suo terzo album, intitolato Dynastie, comprendendo concerti di Johann Sebastian ma anche dei suoi tre figli più famosi, Wilhelm Friedemann, Carl Philipp Emmanuel e Johann Christian.
Contenuto CD:
1-3] Johann Sebastian Bach 1685-1750
Concerto No.1 BWV 1052 in Re minore
4-6] Johann-Christian Bach (attribuito a Wilhelm-Friedemann Bach) 1735-1782
Concerto in Fa minore
7] Wilhelm Friedemann Bach 1710-1784 (Orchestrazione Jean Rondeau)
Sonata FK 7 in Sol maggiore secondo movimento – Lamento
8-10] Johann Sebastian Bach 1685-1750
Concerto No.5 BWV 1056 in Fa minore
11-13] Carl Philip Emanuel Bach 1714-1788
Concerto Wq 23 in Re minore.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessandro

    14/02/2020 07:21:16

    Queste registrazioni di Rondeau restituiscono un clavicembalo dal suono molto ricco e brillante, con un’eccellente chiarezza nei contrappunti. Pure sorprendente è l'equilibrio tra gli strumenti, che in queste opere spesso è sbilanciato a favore degli archi. Le singole voci sono sempre chiaramente distinte, le esecuzioni sono vivaci con un’ampia gamma di colori e dinamiche. Per tutti i brani del cd il risultato è una magia sonora limpida, briosa, intima e diretta che incanta e attrae. Da restare incollati alla poltrona.

  • Carl Philipp Emanuel Bach Cover

    Compositore tedesco. Secondo figlio di Johann Sebastian B., frequentò la Thomasschule di Lipsia e l'università di Francoforte sull'Oder, dove studiò legge. Dal 1740 al 1767 fu al servizio di Federico il Grande come clavicembalista e dal 1767 direttore di musica nelle chiese di Amburgo. Fu un fecondo compositore di sinfonie, concerti, musica da camera, musica sacra, Lieder e pezzi per clavicembalo (fra cui le 6 sonate prussiane, 1742, dedicate a Federico ii di Prussia, le 6 sonate württemberghesi, e le 6 sonate con ripresa variata, 1760). Il suo trattato Versuch über die wahre Art das Clavier zu spielen (Saggio di metodo per la tastiera, i parte, 1753; ii parte, 1763) è fondamentale per l'interpretazione della musica settecentesca per strumenti, in particolare per quella del padre Johann Sebastian... Approfondisci
  • Johann Christian Bach Cover

    Compositore tedesco. Figlio minore di Johann Sebastian B., fu educato a Berlino, dopo la morte del padre, dal fratellastro Carl Philipp Emanuel. Nel 1754 venne in Italia e cominciò a comporre musica sacra, ottenendo il posto di organista del duomo di Milano nel 1760. A Milano rappresentò la sua prima opera, Artaserse (1761). Invitato a Londra nel 1762, vi ebbe l'incarico di musicista di camera della regina Charlotte e divenne un operista di successo. Organizzò, con C.F. Abel, una serie di concerti pubblici. Scrisse anche due opere per Mannheim e una, Amadis de Gaule, per Parigi. La sua produzione strumentale comprende 60 sinfonie e ouvertures (alcune nella forma dell'ouverture d'opera), concerti per pianoforte, musica da camera di tutti i generi, sonate e altri pezzi per pianoforte. Fu il... Approfondisci
  • Johann Sebastian Bach Cover

    Compositore tedesco.La vita: da Weimar, a Cöthen, a Lipsia. Figlio di un violinista, ricevette la prima istruzione musicale dal padre e, dopo la sua morte (1695), dal fratello maggiore. Nel 1700 entrò a far parte, come soprano, del coro di S. Michele a Lüneburg, rimanendo al servizio di quella chiesa anche dopo la muta della voce, avvenuta l'anno seguente. Nel 1703 ebbe un breve incarico a Weimar come violinista nell'orchestra ducale; pochi mesi dopo divenne organista di chiesa ad Arnstadt. Nel 1707, colpito da dure critiche perché si era assentato senza permesso e perché sottoponeva a eccessive elaborazioni l'accompagnamento dei corali, si trasferì a Mühlhausen, presso la chiesa di S. Biagio. Nello stesso anno sposò sua cugina. Nel 1708 tornò a Weimar come organista di corte. Deluso nella... Approfondisci
Note legali