The Early Recordings vol.1 1939-1948

Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Naxos
Data di pubblicazione: 21 novembre 2008
  • EAN: 0747313335121
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

€ 6,90

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 2 settimane

Quantità:
Descrizione

Musiche di Albeniz, Bach, Brahms, Galuppi, Granados, Marescotti, Mompou, D.Scarlatti
Nel 1939 Benedetti Michelangeli vinse il Concorso di Ginevra e poco dopo registrò il suo primo disco per HMV di Milano. I brani più caratteristici di questa antologia Naxos sono il Concerto Italiano di Bach e la Ciaccona nell’arrangiamento di Busoni, Andaluza di Granados, Fantasque di Marescotti. I primi commenti della critica videro in questo interprete l’unione di una tecnica impeccabile a una sorprendente concezione interpretativa.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Intrevado Nicola

    09/06/2009 21:23:29

    Michelangeli vince a 19 anni il mitico concorso pianistico internazionale di Givevra. E nell' occasione , Cortot , grande maestro francese , presente in giuria , esclamera' la famosa frase " ..e' nato il nuovo Lizts ". Solo la guerra fermera' il suo cammino verso la gloria dei concerti internazionali che , a conflitto finito , non conoscera' altro che gloria sconfinata , mito assoluto e tecnica disumana. I suoi concerti saranno eventi di risonanza mondiale , e ci sara' gente disposta a fare qualsiasi rinuncia , qualsiasi avventura per assistervi. Chi , nel corso delle varie sue esibizioni all' estero , poiche' in Italia non suonera' piu' dalla fine degli anni '60 fino al famoso primo concerto in Vaticano ( quindi , ancora all' estero ) alla fine dei '70 , sara' segnato per sempre. Anche i concerti annullati all' ultimo momento , non pochi in verita' , faranno storia per l' intrinseca ricerca disperata circa la loro motivazione che , restera' chiusa nel mistero piu' fitto , alimentando cosi' il mito fino all' eccesso piu' bizzarro. Quindi , queste registrazioni " Early " , sono delle perle preziose che si sgranano al nostro ascolto come un sacro rosario , poiche' , il maestro si e' concesso molto , molto poco alle registrazioni di studio per tutta una sua precisa visione filosofica circa il suo rispetto assoluto del suono. Posizione alla quale non verra' mai meno. Quando l' oro scarseggia si fa tesoro dell' argento e quando anche questo viene a mancare , ecco che diventa preziosissimo il rame. Quindi , la rarita' di tali esecuzioni le rende altamente seducenti ,immensamente interessanti , poiche' svincolate da cio' che accadra' nel corso del tempo e , nella misura in cui , il maestro ci rivela i suoi esordi molto prima che , persino la visione del suo volto pallido o di una sua dichiarazione diventera' un evento. Men che meno di un' intervista. Il suono e' puro , ottimo nella registazione tecnica dell' epoca , manca solo il respiro del maestro ed il battito , calmo e dolente , del suo giovane cuore.

Scrivi una recensione