Gli ebrei di Rembrandt

Steven Nadler

Traduttore: A. Asioli
Editore: Einaudi
Collana: Saggi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 26/09/2017
Pagine: 288 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788806235581
Disponibile anche in altri formati:

€ 27,20

€ 32,00

Risparmi € 4,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

27 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Protagonista del saggio è la comunità ebraica di Amsterdam e Rembrandt funziona come punto di partenza e filo conduttore, permettendo all’autore di mettere a fuoco il vero oggetto della sua indagine, ovvero il rapporto biunivoco e complesso tra gli ebrei e gli olandesi nel Seicento. Da un lato gli ebrei, i ricchi sefarditi spagnoli e portoghesi desiderosi di integrarsi e di costruire una nuova identità, che vestono all’olandese, non leggono bene i testi sacri, hanno case piene di quadri e tombe decorate; ma anche i poveri ashkenaziti di provenienza tedesca e orientale, che difendono l’ortodossia, conoscono a fondo la Torah e chiedono l’elemosina vestiti di stracci. Dall’altro gli olandesi, tolleranti, anche per interessi economici e politici, e disponibili a lasciarsi affascinare da quella cultura così diversa. Su questi temi Nadler vanta una grande competenza (...) dispiegata in sottili analisi di testi e problemi, ritratti di persone, descrizioni di quartieri e monumenti, esegesi di iconografie. Prendono così corpo, anche grazie a un brillante stile narrativo, il quartiere ebraico del Vlooienburg e i suoi abitanti, Rembrandt compreso; il pragmatico ed eclettico rapporto dei sefarditi di Amsterdam con le arti figurative; le sinagoghe della città costruite da architetti olandesi e il cimitero di Beth Haim, visitati dai più colti viaggiatori europei ma anche dagli abitanti della città. L’identità di Amsterdam nel Seicento non può fare a meno della componente ebraica, così come l’identità degli ebrei lì stabiliti non può prescindere da quella olandese: Amsterdam d’altronde è vista da molti in quegli anni come la nuova Gerusalemme. Quello che interessa a Nadler (...) è una comprensione sfaccettata della complessità di tale incontro variamente vissuto e declinato dai singoli (...). Sono poche le certezze che Nadler propone, preferendo invece una posizione ferma nella difesa del confine tra possibile e probabile, quello che importa sono le domande che le opere figurative e architettoniche contribuiscono a formulare. In misura diversa e forse maggiore rispetto ai documenti scritti, ritratti, dipinti di storia e vedute, edifici e tombe sono in grado di fissare e raccontare questo sguardo multiplo, di rivelare identità, desideri di appartenenza, dialoghi, appropriazioni, stratificazioni e ambiguità. Fu anche grazie a questo che gli ebrei nei Paesi Bassi sperimentarono un’integrazione sociale e una liberazione estetica senza precedenti.

Recensione di Chiara Gauna

 

Indice

I. Sulla Breestraat
II. Immagini idolatre
III. Il rabbino infelice
IV. Esnoga
V. Il mondo a venire

Note
Bibliografia scelta
Indice analitico