L' eclisse della democrazia. Le verità nascoste sul G8 2001 a Genova - Vittorio Agnoletto,Lorenzo Guadagnucci - ebook

L' eclisse della democrazia. Le verità nascoste sul G8 2001 a Genova

Vittorio Agnoletto, Lorenzo Guadagnucci

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Feltrinelli
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 9,13 MB
Pagine della versione a stampa: 266 p.
  • EAN: 9788858800645
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 10,99

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Un governo apparentemente democratico e civilizzato mostrava la sua forza bruta, dando credito all'osservazione di Nietzsche secondo cui lo stato è ‘il più gelido dei gelidi mostri'." Susan George (dalla Prefazione).Genova, luglio 2001: un ragazzo di 23 anni ucciso dai carabinieri; 93 persone pestate e arrestate sulla base di prove false alla scuola Diaz; decine di fermati torturati nella caserma di Bolzaneto; in una vera e propria eclisse dei diritti costituzionali democratici, di fatto sospesi.Vittorio Agnoletto, all'epoca portavoce del Genoa social forum, e Lorenzo Guadagnucci, testimone e vittima del blitz alla Diaz, raccontano tutte le verità sul G8 di Genova e sui tentativi di fermare e condizionare i processi. Enrico Zucca, pm al processo Diaz, per la prima volta svela agli autori i retroscena dell'inchiesta genovese. I massimi vertici della polizia e dei servizi segreti, oltre a decine di agenti, sono stati condannati in secondo grado. Sono giudizi clamorosi, senza precedenti. Eppure tutti sono rimasti al loro posto e molti sono stati addirittura promossi, con l'avallo dell'intero arco politico parlamentare. La ferita aperta nel luglio 2001 non è stata ancora rimarginata.Nel 2001 un grande movimento nella sua fase nascente è stato criminalizzato, ma le sue idee non erano sbagliate: a Genova si parlava di un prossimo crac della finanza globale, del collasso climatico del pianeta, delle guerre come frutto naturale del sistema neoliberista. Scenari che si sono puntualmente avverati. In questo libro si racconta il volto autentico del G8 di Genova: un tracollo dei valori democratici, ma anche una proposta culturale e politica che resta vitale.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Mario Carpino

    30/11/2014 19:17:03

    Libro estremamente ben fatto e altamente consigliato a tutti. Ricostruzione sintetica ma molto chiara e puntuale dei fatti di Genova, basata principalmente sulle sentenze e gli atti processuali, su dichiarazioni dei personaggi coinvolti e dei testimoni e su documenti filmati e fotografici. Un punto fermo su quanto si sa e non si sa di quei tragici eventi. Molto interessanti anche le considerazioni sullo stato di maturità della democrazia italiana che emerge dal fatto stesso che eventi del genere siano successi, e da come ad essi hanno reagito le istituzioni e le forze politiche; considerazioni fatte con fermezza ed alto senso civico, senza cedere alla tentazione di dietrologie avventate. Ho trovato illuminante anche l'ultimo capitolo, che inserisce i fatti di Genova nel quadro più generale dello scontro in atto tra globalizzazione neoliberista e suoi oppositori.

  • User Icon

    sara

    13/07/2011 12:17:32

    Ottimo lavoro giornalistico: si spazia su tutti gli aspetti che hanno caratterizzato il G8, ci si sofferma su alcuni fatti di particolare gravità e soprattutto si informa il lettore sul 'come è andata a finire'. Si intuisce subito la profonda conoscenza dell'argomento da parte degli autori, che permette loro di fare collegamenti importanti senza mai perdere il filo del discorso. Chi vuole, poi, potrà approfondire i singoli aspetti (Diaz, Bolzaneto). La ricostruzione è così accurata che -secondo me- dovrebbero farne un documentario, magari da mettere gratuitamente on-line, per far arrivare e tutti la verità su quei fatti.

Note legali