L' eco lontana delle onde del Nord

Corina Bomann

Traduttore: L. Castellani
Editore: Giunti Editore
Collana: A
Anno edizione: 2015
Pagine: 448 p., Brossura
  • EAN: 9788809815988
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,42

€ 10,12

€ 11,90

Risparmi € 1,78 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Teresa Anania

    30/08/2017 07:56:41

    Romanzo giallo a tinte rosa, ma in nessun modo sdolcinato; scritto in prima persona e dove il passaggio ripetuto tra passato e presente, fondamentale per caratterizzare i personaggi, crea un'atmosfera vivace, travolgente e talmente realistica da sentirsi immersi e assorbiti dall'intera vicenda. Narra la storia di Annabel, giovane pubblicitaria che dopo la separazione dal marito, Jan, decide di trasferirsi a Binz sulle coste del Mar Baltico, insieme a Leonie sua figlia di soli cinque anni. Annabel è una donna forte con un passato che ha segnato la sua intera esistenza e che, irrimediabilmente, continua a venire a galla soprattutto dopo il trasferimento. Durante una passeggiata, si imbatte in una vecchia barca, "La Rosa delle Tempeste", ormeggiata al porto e dalla quale viene inspiegabilmente attratta al punto di decidere di acquistarla. Ciò le farà conoscere Christian, uomo dolce e premuroso, che l'aiuterà nell'impresa e col quale inizierà una nuova vita. L'acquisto della "Rosa delle Tempeste", sarà il punto cardine per ricostruire quel passato che continua a tormentarla. Trova nascosta all'interno della stiva, una lettera che la porterà sulle tracce di una donna fuggita, insieme ad altre persone, trent'anni prima dalla Germania dell'Est e che riaprirà quella vecchia ferita, mai rimarginata, che la condurrà attraverso valichi misteriosi che la riguardano personalmente. Un romanzo profondo e ricco di suspense, picchi emotivi e risvolti che non ti aspetti, coinvolgente al punto da tenerti incollato dalla prima all'ultima pagina. Unica nota critica, che è doveroso evidenziare, la presenza di qualche refuso ortografico probabilmente dovuto alla traduzione dal tedesco. Assolutamente consigliata la lettura

  • User Icon

    Emanuela

    06/04/2016 15:40:22

    Questa autrice la fa troppo semplice. E' il secondo libro che leggo, e riscontro anche qui quello che già mi aveva infastidita ne "L'Isola delle Farfalle": ci sono tanti personaggi che potrebbero creare un buon intreccio, ed invece le singole storie sono spesso insipide, quasi inutili, la scrittrice ti butta lì dei particolari o delle mini-storie di personaggi secondari che potrebbero portare a chissà cosa ed invece poi muoiono nella trama. Inoltre finisce sempre tutto troppo bene, per questo la fa facile: stranamente tutte le difficoltà che deve affrontare la protagonista non si rivelano mai troppo ardue e tutto finisce sempre per il meglio per lei senza oltretutto che se lo sia meritato, semplicemente le condizioni sfavorevoli diventano inverosimilmente favorevoli verso la fine. Sinceramente a questo punto ritengo che, se si vuol leggere una bella storia ricca di personaggi e con una trama ben complessa e non semplicistica, sia decisamente meglio affidarsi a Kate Morton, maestra del genere, o Lucinda Riley.

  • User Icon

    Ornella46

    31/01/2016 10:33:49

    Lo spunto di questa storia mi era sembrato interessante ma la narrazione si è rivelata molto prolissa,, fino a metà libro praticamente l'autrice rigira la stessa situazione già ripetutamente descritta poi introduce qualche nuovo elemento ma sempre in modo lento e disorganico, alla fine la lettura è stata noiosa.

  • User Icon

    Roberta

    21/01/2016 14:54:59

    Se dovessi giudicare questo libro con un solo aggettivo lo definirei inconsistente. Nella trama, nei personaggi, nello stile di scrittura...questa autrice alterna ormai dei romanzi belli ed avvincenti ad altri abbastanza noiosi e sbrigativi. Non a caso ho impiegato ben 20 giorni per terminare la lettura! Poteva essere bella la trama incentrata sulla divisione tra Germania Est e Ovest, il muro di Berlino, i tentativi di fuga attraverso il mare e le conseguenze che questa pagina di storia ebbe sulle varie famiglie. Il tutto è però sviluppato in modo superficiale e frammentario con tante piccole storie slegate tra di loro e pochissimi approfondimenti storici che avrebbero invece arricchito notevolmente la vicenda. Inoltre sono presenti molte parti mal tradotte e piccoli episodi inverosimili, come quelli della piccola Leonie che viene ripetutamente abbandonata in macchina o in casa mentre la mamma Annabel intervista persone o va semplicemente a correre sulla spiaggia. Nel complesso, la seconda delusione della Bomann dopo il fatiscente romanzo natalizio...speriamo nel prossimo perché so già che di questo, tra qualche giorno, non mi rimarrà praticamente nulla!

  • User Icon

    Mariella

    04/01/2016 14:29:22

    Pesante, prolisso, noioso e faticoso. Storia trascinata, emozioni e sentimenti ripetuti allo spasimo. Personaggi inconsistenti. Orrende le continue spiegazioni che seguono ogni azione o stato d'animo. Peccato.

  • User Icon

    Sara

    13/12/2015 21:55:45

    Un libro meraviglioso, si legge tutto d'un fiato, la scrittrice alterna benissimo il presente con i flashback nel passato, una storia appassionante che ti coinvolge e ti fa amare questo libro, e ti affezioni molto ai personaggi e alle loro storie. Consigliatissimo!!!

  • User Icon

    Mia

    23/11/2015 19:07:22

    Dopo aver letto "la signora dei gelsomini" della stessa autrice mi aspettavo di leggere un altro romanzo fantastico e invece delusione totale!! Personaggi vuoti senza carattere, storia senza senso, scrittura ripetitiva e noiosa.....non consiglio questo libro, spero che l'autrice si riprenda e scriva di nuovo un bel romanzo.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione