Categorie

Haruki Murakami

Traduttore: A. Pastore
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 311 p., Brossura
  • EAN: 9788806216672
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    27/03/2015 14.11.39

    Raccolta di racconti piacevoli. Molto bello il racconto della ragazza perfetta al 100%...e

  • User Icon

    farfallina

    01/11/2013 20.59.57

    il libro non mi ha entusiasmato come gli altri libri che ho letto di murakami haruki; tuttavia, secondo me, tutti i racconti hanno un fascino sottile; sinceramente non saprei descrivere il perchè: ce l'hanno e basta; e lo si percepisce in ogni riga e in ogni pagina letta e anche se sembrano quasi tutti sospesi in uno strano vuoto senza epilogo razionale, sono riuscita a leggerli tutti gradevolmente. Quelli che mi sono piaciuti di più sono stati *vedendo una ragazza perfetta al 100%, in una bella mattina di aprile * e * il mondo del vento scatenato * - E' una lettura che consiglio a tutti indistintamente.

  • User Icon

    Giovanni

    11/09/2013 10.41.52

    Primo libro che leggo di Murakami. Il libro non è un romanzo, si struttura in brevi racconti che a volte mi hanno dato la sensazione di essere collegati tra loro ma non lo sono. La scrittura molto scorrevole e diretta, uno dei pochi autori che per la semplicità del linguaggio riesce a farti immedesimare nei personaggi. Per quanto riguarda i contenuti dei racconti li ho trovati incompleti in quanto dopo un inizio accuratamente dettagliato sembrano voler mandare un messaggio ma in realtà non hanno epilogo.

  • User Icon

    Ariel

    22/02/2013 00.41.43

    Buona l'idea dei racconti brevi. Il libro è molto interessante per quanto riguarda la scrittura scorrevole e i personaggi ben strutturati, ma i contenuti delle storie lasciano un senso di incompiutezza, sembrano quasi fini a se stessi. Ogni mini scena mi lasciava una domanda incompiuta: "Ok, e adesso?! Cosa voleva dire?!" Sembrano tutte piccole introduzioni ad un climax ed un finale che non ci sono... Ben scritto ma incompiuto!

  • User Icon

    Leonardo Banfi

    18/10/2012 08.31.33

    Una lenta nave per la cina(3)- Granai incendiati(3)- Il nano ballerino(4)- Il messaggio del canguro(1)- Vedendo una ragazza perfetta al 100% ... (1)- Le piace Burt Bacharach?(1)- L'ultimo prato del pomeriggio(1)- Lederhosen(3)- L'elefante scomparso(3)- Il secondo assalto a una panetteria(3)- Il mondo del vento scatenato(1)- Affare di famiglia(4)- L'uccello giraviti e le donne del martedi'(5)- Sonno(3)-Gli uomini TV(2)-Il mostriciattolo verde(1)-Silenzio(3). Complessivamente sono racconti leggibili, scritti con linguaggio scorrevole.

  • User Icon

    Tiziana

    03/09/2012 10.43.23

    geniale, surreale, strabiliante come sempre, ma anche un po' angoscioso e cupo. Murakami colpisce con le sue storie bizzarre scritte magistralmente, eppure lascia un senso di incompiutezza, di disagio, di ansia. lo stimo e lo apprezzo, ma questo a mio parere non è il suo libro migliore

  • User Icon

    Gaetano Sannino

    01/11/2010 19.13.23

    Non amo molto i racconti brevi ma devo dire di poter fare un'eccezione in questo caso. La scrittura è quella solita di Haruki: godibile,fantasiosa e nel contempo estremamente (paradossalmente) razionale.

  • User Icon

    Rain

    01/07/2010 11.12.05

    Conosco e amo le opere di Murakami,ma questa raccolta di racconti, sebbene godibile, non dà la stessa sensazione del romanzo di Murakami. Forse perchè i romanzi riescono ad entrare meglio nell'inconscio del lettore, i racconti, essendo più brevi, lasciano il "compito" a metà. Quindi un 3, non tanto per lo stile, che è sempre ottimo, ma per quel che ti lascia questa raccolta. Rain

  • User Icon

    PROT

    03/06/2010 09.41.13

    Racconti originali non sempre facili da capire, godibili secondo me soprattutto da chi già conosce murakami... comunque grande come sempre

  • User Icon

    Cristina

    15/09/2009 16.15.21

    Ho conosciuto le opere di Murakami da poco più di un mese e sono stata letteralmente rapita dal suo modo unico di scrivere, di rappresentare la vita sempre al limite tra realtà e immaginazione.Questo libro è bellissimo, una raccolta di racconti incredibili, che ti catturano la mente. Il mio preferito è l'elefante scomparso, perchè a ben pensarci, tutti noi, forse, teniamo un elefante nel nostro io e ci accorgiamo di averlo avuto solo dopo averlo perso. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    gianni

    20/04/2009 09.41.39

    Sarà che io sono un grande appassionato dei libri di Murakami (Haruki) ma a me anche questo libro è piaciuto particolarmente tanto. Il libro è una raccolta di diciassette racconti, scritti dai primi anni ’80 fino al 1999. I racconti sono alla Murakami, sempre in bilico tra l’ordinario (rasentante talvolta il banale, ma se è scritto da lui vi assicuro che anche il banale diventa interessante) ed il surreale, non si sa mai dove finisce la realtà e dove comincia il sogno. I racconti sono uno più bello dell’altro, basati taluni su di un’idea labile, quasi evanescente, ma di notevole impatto emotivo. Tra tutti io sceglierei: Il nano ballerino, L’ultimo prato del pomeriggio, Lederhosen, L’elefante scomparso, L’uccello-giraviti e le donne del martedì, Gli uomini tv, Il mostriciattolo verde, Sonno. Nella raccolta si trova il già menzionato “L’uccello-giraviti e le donne del Martedì” il racconto che poi, sviluppato più estesamente, ha portato al suo libro capolavoro “L’uccello che girava le viti del mondo” ad oggi uno dei libri più belli che abbia mai letto. E’ stato bello leggere l’idea base che ha portato al più lungo romanzo. Non so dire bene il perché della mia passione per Murakami. Sicuramente è uno che scrive bene, ma non so se mi piace di più per come scrive oppure per la sorpresa ed il piacere di restare stupito di fronte alla genialità delle storie che questo uomo riesce a partorire. Se vi raccontassi la trama di quasi qualunque dei racconti contenuti nella raccolta sicuramente decidereste che non vale la pena di leggere il libro, eppure poi quando si leggono sono storie che lasciano il segno. Addirittura miei personali riadattamenti di alcuni racconti sono diventate delle storie che racconto ai miei due bambini (Camilla di sei anni e Tommaso di quattro), devo dire con loro grande gradimento. Da leggere assolutamente.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione