Elogio della bicicletta - Franco La Cecla,E. Capriolo,Ivan Illich - ebook

Elogio della bicicletta

Ivan Illich

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: E. Capriolo
Curatore: Franco La Cecla
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 833,24 KB
Pagine della versione a stampa: 95 p.
  • EAN: 9788833975658
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 5,99

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una appassionante e convincente apologia della bicicletta: della sua bellezza e saggezza, della sua alternativa energetica alla crescente carenza di energia e al soffocante inquinamento. Illich nota acutamente che la bicicletta e il veicolo a motore sono stati inventati dalla stessa generazione. Ma sono i simboli di due opposti modi di usare il progresso moderno. La bicicletta permette a ognuno di controllare la propria energia metabolica (il trasporto di ogni grammo del proprio corpo su un chilometro percorso in dieci minuti costa all’uomo 0,75 calorie). Il veicolo a motore entra invece in concorrenza con tale energia. «La bicicletta allarga il raggio d’azione personale dell’uomo, senza limitarne il movimento. Quando non è possibile andare in bici la si spinge a mano. Il ciclista, beneficiario di una comodità senza classi, può addirittura trasportare qualcun altro sulla canna o sul portabagagli».
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    AM

    07/09/2007 16:50:15

    Attualissimo: un libro denso e illuminante, il cui scarto temporale (è del 1973) non fa altro che proiettare le tesi di Ivan Illich nell'ambito della visione profetica. Molto interessante è anche il contributo di Franco La Cecla che riesce a colmare questo scarto collegando le parole di Illich alla nostra prospettiva socio-economico-culturale in modo da evidenziarne le enormi contraddizioni.

  • User Icon

    Pino Lombardi

    05/04/2007 12:42:35

    Ripubblicazione di un saggio datato, e si sente parecchio. Chi si sentisse invogliato alla lettura credendolo, dal titolo, un agile e scanzonato peana alle due ruote, sappia che si tratta invece di un denso e impegnativo, benché breve, saggio economico-sociologico-politico sul declino della nostra idea di mobilità. L'idea alla base di tutto è a dir poco geniale, rivoluzionario lo sviluppo della stessa, e dirompenti le conclusioni. A pensare che tutto questo è stato scritto trent'anni fa, ci si rende conto di quanto vanamente una intera generazione di ecologisti abbia combattuto contro il mostro automobile.

  • Ivan Illich Cover

    Nacque a Vienna da padre croato e madre ebrea sefardita. Sin da bambino si dimostrò estremamente ricettivo e versatile: conosceva l'italiano, il francese e il tedesco e poteva parlare questi idiomi alla stregua di lingue madri. Imparò in seguito il croato, il greco antico e lo spagnolo, il portoghese, lo hindi e altri idiomi.Prestò servizio come assistente parrocchiale a New York. Nel 1956, fu nominato vice-rettore dell'Università Cattolica di Porto Rico, e nel 1961 fondò il Centro Intercultural de Documentación (CIDOC) a Cuernavaca in Messico, un centro di ricerca che realizzava corsi per i missionari del Nord America.Ordinato sacerdote a Roma nel 1951 e attivo nelle diocesi di New York, Ponce (Puerto Rico) e Cuernavaca (Messico), interruppe volontariamente... Approfondisci
Note legali