Entanglement. Il più grande mistero della fisica

Amir D. Aczel

Traduttore: M. Pagani
Collana: Scienza e idee
Anno edizione: 2004
Pagine: XIX-260 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788870788860

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Scienze, geografia, ambiente - Fisica - Fisica quantistica

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 13,50

€ 21,25

€ 25,00

Risparmi € 3,75 (15%)

Venduto e spedito da IBS

21 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    n.d.

    16/10/2017 19:57:59

    Un modo da scoprire che grazie e a questo testo è un po' più chiaro

  • User Icon

    Lucat

    31/10/2004 23:23:38

    Il libro è molto interessante sia per l'argomento trattato sia per l'accurata ricostruzione storica. Ha, forse, il suo punto debole nell'essere un libro divulgativo su un argomento così complesso e da ciò credo derivi il modo, per certi versi un po' sbrigativo, con cui sono presentati alcuni punti fondamentali della fisica quantistica, come il problema del corpo nero, l'equazione di Schroedinger e il paradosso EPR. Anche se l'argomento trattato può sembrare un po' troppo specialistico, in realtà l'entanglement è un aspetto così importante della fisica quantistica che il libro diventa una buona introduzione alle sue leggi e alla sua logica. Interessanti sono le descrizioni degli esperimenti ideati per provare l'esistenza dell'entanglement; in particolare il capitolo in cui si parla dell'entanglement triplo è persino entusiasmante. Secondo me è un buon libro e lo spunto per ulteriori approfondimenti grazie anche ad una buona bibliografia.

Scrivi una recensione

Che direste di due oggetti così intimamente legati fra loro che ogni azione compiuta sull'uno si riflette istantaneamente sull'altro? Nel mondo dell'infinitamente piccolo tutto questo è possibile, anzi, ordinaria amministrazione: è lÆentanglement, che in italiano significa qualcosa come "relazione stretta, difficile da sciogliere". Fra le tante previsioni della meccanica quantistica "strane" per il senso comune, forse questa è la più difficile da accreditare, tanto che la sua accettazione ha richiesto parecchi decenni; del resto, doveva competere nientemeno che con Albert Einstein, che dopo essere stato uno dei padri della teoria dei quanti, ne ha poi rifiutato le conseguenze più estreme; l'attacco finale di Einstein fu condotto proprio sulle conseguenze dellÆentanglement. Sarà John Bell, trent'anni dopo, a dimostrare che Einstein si sbagliava; oggi lÆentanglement è un fenomeno assodato, su cui si basano applicazioni di laboratorio che sembrano sfidare la fantasia umana, come il teletrasporto di particelle subatomiche. Aczel racconta tutta la storia presentando una galleria dei fisici che ne furono coinvolti; tra questi, nomi noti e altri conosciuti solo dagli addetti ai lavori; il racconto delle loro vicende è certamente la parte migliore del libro, che permette di affacciare lo sguardo all'interno dei laboratori di fisica presenti e passati. Meno brillante è invece la descrizione fisica dei vari fenomeni; in parte questo è giustificato dalla complessità degli argomenti, tuttavia rimane il dubbio che alla fine al lettore sfugga il vero senso di queste ricerche; i grafici tratti dagli articoli originali non aiutano a comprendere meglio i vari esperimenti perché mancano di una descrizione adeguata, e almeno alcuni concetti potevano essere spiegati più estesamente. Il rischio è quello di non essere né carne né pesce: troppo difficile per un lettore digiuno di fisica (tanto più che compare un discreto numero di formule), e troppo in superficie per un appassionato.

Luca Antonelli