Categorie

Donato Antoniello, Luciano Vasapollo

Editore: Jaca Book
Anno edizione: 2006
Pagine: 350 p. , Brossura
  • EAN: 9788816407374
Questo testo di Antoniello e Vasapollo vuole essere una storia generale non solo del sindacalismo italiano dal secondo dopoguerra a oggi, ma del capitalismo italiano e della società, colta nelle grandi trasformazioni strutturali, economiche e culturali, così come nell'influsso esercitato sulla composizione e il mutamento della classe lavoratrice. Una sintesi di trecentocinquanta pagine, con al centro una storia complessa e ricca d'intrecci con altre storie e cornici, e che ha il pregio di varcare con decisione quello che spesso è stato un limite periodizzante di queste ricerche: ci riferiamo all'anno 1980, segnato dalla sconfitta alla Fiat, con la messa in cassa integrazione a zero ore di circa ventitremila operai, dopo una lotta durata trentacinque giorni, anno che apre il terreno alla ristrutturazione dell'impresa in Italia e della funzione dei sindacati nel gioco nuovo delle relazioni consociative e istituzionali tra vari organismi e centri di potere. Si ripercorrono così le fasi salienti dei cicli della conflittualità di classe nel nostro paese, dai "duri" anni cinquanta alla ripresa delle lotte nel decennio successivo, culminate nell'autunno caldo, e nella seguente stagione del sindacato dei consigli. Poi i decenni ottanta e novanta, con un riposizionamento del sistema politico e sindacale, una ristrutturazione economica e istituzionale profonda, l'emergere del lavoro precario, dei contratti atipici e del lavoro a tempo determinato, e la nascita di quel fenomeno diffuso, ma non sempre facile da decifrare, del sindacalismo di base e alternativo a quello confederale.
  Diego Giachetti