Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Era ieri - Enzo Biagi - copertina

Era ieri

Enzo Biagi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: L. Mazzetti
Editore: Rizzoli
Collana: Saggi italiani
Anno edizione: 2005
Pagine: 304 p., Rilegato
  • EAN: 9788817009119

€ 18,00

Venduto e spedito da Libreria Bookweb

spinner

Disponibilità immediata

Solo una copia disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 5,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Enzo Biagi racconta le vicende di una trasmissione giornalistica da lui ideata e condotta - "Il Fatto" - giudicata la migliore prodotta dalla Rai in cinquant'anni di attività, e le ragioni per cui fu soppressa, con il cosiddetto "editto bulgaro" di Berlusconi. Ne esce un libro denso di ricordi, di riflessioni, di interviste a personaggi illustri (da Giovanni Agnelli a Romano Prodi, da Oscar Luigi Scalfaro a Roberto Benigni, da Michail Gorbaciov ad Alberto Sordi...) tratte in buona parte proprio da "Il Fatto", e pubblicate qui per la prima volta. Loris Mazzetti, coautore del libro, è regista e dirigente RAI e ha accompagnato per anni il lavoro televisivo di Enzo Biagi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un lungo racconto, la storia di un uomo che ha scelto il mestiere di giornalista. A colloquio con Loris Mazzetti, suo collega per dieci anni a Rai Uno, Enzo Biagi si confessa e rivive le emozioni, i successi e le delusioni di una vita da grande firma del giornalismo italiano, della carta stampata prima e poi anche, e soprattutto, della televisione. Un successo strepitoso fu quello della sua trasmissione Il fatto, quella striscia quotidiana che andava in onda su Rai Uno in prima serata e riusciva a inquadrare la notizia del giorno, con Biagi che intervistava gli ospiti di turno, sempre "con la schiena ben dritta", mai servile, nemmeno nei confronti degli uomini politici o degli industriali più potenti nel Paese e nel mondo. Quella trasmissione, con i suoi sei milioni e mezzo in media di ascoltatori a partire dalla prima puntata del 23 gennaio 1995, che fu bruscamente chiusa dalla decisione del Presidente del Consiglio Berlusconi nel 2002, è ancora una ferita aperta nella memoria di Biagi. Infatti questo libro di rievocazioni parte da lì, da quelle 842 puntate realizzate, con 34 speciali (come quello sulle Torri Gemelle) e 1.200 ospiti, che sono state il fiore all'occhiello di una lunga carriera.
Tutto inizia nel 1920 a Lizzano in Belvedere, il paesino in provincia di Bologna dove Biagi nacque. Sull'Appennino emiliano trascorse l'infanzia e iniziò a sognare, come in Martin Eden di Jack London, di fare il giornalista. Un mestiere che Biagi immaginava come un "vendicatore capace di riparare torti e ingiustizie" e che lo affascinava tanto per quella possibilità di viaggiare e scoprire il mondo. E così poi è stato. Dopo il diploma in ragioneria ci furono i primi pezzi scritti sul Resto del Carlino, quando il giovane cronista Biagi scarpinava per una Bologna diversissima da quella di oggi e quando sui tavoli della redazione le disposizioni del Duce ordinavano cosa si poteva scrivere e cosa no. In seguito aderì alla lotta con i gruppi partigiani e nel dopoguerra arrivarono gli incarichi man mano più prestigiosi, da inviato a direttore di testata, a firma di tutti i maggiori quotidiani e settimanali del nostro Paese.
Nel 1961 l'ingresso in Rai e quel difficile rapporto con la politica che non lo ha mai abbandonato, fino al 2002, forse proprio perché Biagi ha sempre riconosciuto solo un padrone, "il lettore", e ha sempre rifiutato di scendere a compromessi coi potenti del momento. Un uomo che per questo è stato accusato varie volte di essere un "comunista", ma che invece ribadisce, anche in questo libro, di essere "un vecchio socialista, amico di Nenni", a favore di un umanesimo egualitario e contrario a ogni guerra. Per un giornalista come Biagi, che ha avuto come modelli Orio Vergani, Indro Montanelli, Curzio Malaparte, Luigi Barzini e Dino Buzzati, non deve essere stato facile accettare di essere escluso dalla tv pubblica. E con questo libro, tre anni dopo, Biagi dà una prima risposta.

  • Enzo Biagi Cover

    Giornalista scrittore e conduttore televisivo italiano, per la sua carriera, iniziata da giovanissimo, gli è stato assegnato il premio Saint Vincent nel 1969. Caporedattore del settimanale «Epoca», diventa inviato della «Stampa» e poi columnist mordace della «Repubblica» e del «Corriere della Sera». Maestro riconosciuto di giornalismo televisivo, ha diretto nel 1960 il «Telegiornale» Rai e ha dato vita, sul piccolo schermo, al primo rotocalco («RT», 1962) e al primo quotidiano di approfondimento («Linea diretta», 1985). Delle molte altre trasmissioni ideate e condotte da B. si ricorda «Il fatto», fortunata serie di inchieste-lampo in onda dal 1995 al 2002. In tutta la sua opera giornalistica,... Approfondisci
Note legali