Categorie

Cristina Azzali

Collana: SenzaTregua
Anno edizione: 2015
Pagine: 633 p., Brossura
  • EAN: 9788867931743
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alyps

    17/05/2016 20.54.52

    Questo romanzo si è rivelato una grande sorpresa per essere il frutto di un'autrice esordiente! Ispirato, appassionato, ambizioso, conquista con la sua prosa ricca, corposa, avvolgente, la minuziosità delle descrizioni, il ritmo placido e riflessivo e i personaggi splendidamente caratterizzati. Non è inoltre il solito fantasy, ma qualcosa di fresco e piacevolmente atipico, che zigzaga tra i generi, come il romanzo di formazione, avventura, di mistero e che trova un suo personale e curioso spazio. Una lettura consigliatissima agli amanti del fantasy e non, a chi vuole immergersi in un'epoca tramontata sentendo i personaggi come vivi e reali, ma soprattutto a chi ama una bella scrittura e l'introspezione dei personaggi.

  • User Icon

    Francesco RS

    14/05/2016 22.56.49

    L'eredità della spada si è dimostrato un libro coinvolgente, ben scritto e per niente noioso. L'autrice merita i complimenti, in particolare su due cose, soprattutto per la capacità tecnica dimostrata in queste oltre 600 pagine. Il libro è scritto così bene e con una tale attenzione ad ogni dettaglio che a tratti non sembra nemmeno un lavoro d'esordio. L'impegno profuso è tangibile e lo si avverte ad ogni pagina, così come la passione di chi scrive per vocazione e non per apparenza. Tuttavia, la cosa che più ho apprezzato è stato il fatto che sono riuscito a calarmi nella storia senza problemi, l'ho sentita e vissuta, ho partecipato ad essa, ho visto i luoghi narrati, sentito le voci dei personaggi, ho provato i loro stati d'animo e ho viaggiato insieme a loro per tutto il tempo. E quando un libro riesce a fare questo significa che ha raggiunto il suo scopo. Elenco brevemente pregi e difetti, partendo da questi ultimi. 1) Ritmo un po' lento ed eccessiva prolissità. 2) Pochi colpi di scena. 3) Manca un vero e proprio "cattivo", o comunque una forza di opposizione che contrasti i piani dei protagonisti. PREGI: 1) Lo stile di scrittura dell'autrice. Personalmente l'ho trovato bellissimo e non posso che darle un 10/10. 2) Psicologia dei personaggi. 3) Bagaglio lessicale e padronanza della lingua italiana da manuale. La scrittura procede senza sbavature, leggermente aulica in qualche occasione e in ogni caso sempre al punto giusto; non mancano, di tanto in tanto, alcune descrizioni appena appena ironiche che hanno il gradevole effetto di spezzare il ritmo di una storia raccontata con grande serietà e passione 4) Grande preparazione dell'autrice su ogni argomento trattato, a dimostrazione del lavoro serio che c'è dietro questo libro Una nota personale: Nel marasma delle pubblicazioni di autori esordienti, dove spesso poche cose buone si perdono in un mare di roba mediocre, questo è un libro che merita assolutamente di essere letto.

Scrivi una recensione