Categorie

Piero Boitani

Editore: Liguori
Anno edizione: 2004
Pagine: 208 p. , Brossura
  • EAN: 9788820737351

Il libro di Piero Boitani costituisce un ulteriore, affascinante capitolo della saga infinita della letteratura, una saga che muove i suoi passi seguendo un archetipo di viaggio anch'esso senza fine. Boitani studia i percorsi incrociati e gli affioramenti inattesi di due grandi cammini di un tempo più antico, divenuti, fin dalla loro nascita, immaginario e patrimonio comune del vecchio mondo, e poi trasportati attraverso un nuovo viaggio in un nuovo mondo. L'uscita di Mosè dall'Egitto, il ritorno di Odisseo all'amata Itaca e il suo giungere ultimo in una terra che non conosce il mare: Esodo e Odissea , libro sacro e libro profano, sono costantemente riscritti, reinterpretati, avverati. Scopriamo così che nel corso dei secoli Ulisse è il mentitore, l'autore del "folle volo", ma è anche il modello di virtù e sapienza che prefigura il figlio dell'uomo. Mosè è stato abbandonato dal suo dio, ma ha anche ottenuto da lui il premio più grande, quello di rimanere per sempre nel deserto con Yahweh. Novelle Odissee e nuovi, eterni esodi incrociandosi lasciano segni indelebili in romanzi, ballate, drammi, poemi; nell'Irlanda del medioevo e nella Dublino nel 1900; in California, novella Canaan per i primi coloni; in quel Portogallo e in quella Lisbona in cui pare risuonare come eco un antico nome Ulixabona , città di Ulisse; in Brasile e nel mare tempestoso dei Caraibi, nei campi di concentramento nazisti e nei campus degli Stati Uniti, nei drammi shakespeariani e nei vagabondaggi di Italo Calvino. Un viaggio tra i viaggi che il lettore seguirà catturato fin dalle prime pagine.

Elisabetta Berardi