Categorie

L' esorcista. Versione integrale

(The Exorcist. Director's Cut)

Titolo originale: The Exorcist. Director's Cut
Paese: Stati Uniti
Anno: 1973
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni

55° nella classifica Bestseller di IBS Film - Horror

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 9,29

€ 9,99

Risparmi € 0,70 (7%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cinzia R.

    13/01/2016 07.59.20

    A tutt'oggi il migliore e il più efficace film demonologo, nonché uno dei più terrificanti horror della storia del cinema. La versione integrale a mio avviso non aggiunge di per sé nulla di positivo o negativo alla pellicola, che rimane attuale e potente nella sua scorrevolezza.

  • User Icon

    Michele Bettini

    09/11/2015 16.55.25

    Inizia con questo film l'Epopea dell'assurdo e dell'autodistruzione del cinema, dove lo spettatore non è più partecipe, ma deve essere autolesionista ed autoannientarsi tra la folla, per stare alla bassezza di ogni porcheria. Il connubio tra occultismo e religione non soddisfa nessuno. E il male non può essere affrontato con tali teorie e questo genere di terapie, se prima non viene meglio (ovvero peggio) definito. Tanta gente non cerca altro, per deresponsabilizzarsi ed evitare di mettersi a studiare.

  • User Icon

    Mr Gaglia

    16/07/2014 20.49.19

    Questo film e' semplicemente un capolavoro. Ricordiamoci che siamo nel 1973: resterà una pellicola ineguagliabile e inimitabile. Non riusciranno mai più a fare film di questo livello, ora si pensa solo a far soldi nel modo più superficiale e banale possibile; l'Esorcista è un opera eccellente per il modo impeccabile in cui è raccontata la trama, la sequenza delle scene, ma soprattutto per la capacità che ha di coinvolgere emotivamente, di trasmettere e far sentire l'angoscia, l'inquietudine, la malattia ed il progressivo deterioramento e disfacimento: una discesa verso il male descritta in maniera geniale tramite la sua sceneggiatura. La paura e la tensione sono soltanto due dei tanti aspetti che rendono immortale questo film, e se dopo 40 anni i ragazzi guardano ancora l'Esorcista (e poi non dormono per 3 giorni) per provare questo tipo di sensazioni c'è un motivo. Giù il cappello! Ma questo film secondo la mia opinione non va analizzato solo come un "semplice" horror ma come una analisi dell'essere umano. Molti non riescono ad afferrare le mille domande che si susseguono nella pellicola: perché il dolore? Perché il male? Siamo destinati alla solitudine? Al prete muore la madre in totale solitudine; Linda non ha il padre e perfino il poliziotto è solo. La fede può sconfiggere la morte? E avanti così. Credo che il successo del film, oltre alle scene diaboliche, sia nella capacità di toccare le corde dell'anima dello spettatore, costringendolo e riflettere su varie tematiche. Centodieci e lode!

  • User Icon

    Il Cinefilo

    11/07/2014 10.50.20

    Un'esperienza viscerale di cinema horror d'autore, e uno dei film più famosi (o famigerati) di tutta la storia per come ha influenzato il modo di fare cinema (horror ma non solo): una pellicola dove il grande regista William Friedkin riesce ad accentuare e a rendere suggestiva l'atmosfera che enfatizza il contrasto fra l'apparente serenità dell'ambiente familiare e la natura demoniaca degli eventi (tema già esplorato dall'altrettanto straordinario "Rosemary's Baby" di Polanski). Magari non farà paura, ma sicuramente lascia qualcosa dentro, ed è in grado d'inquietare e turbare malgrado gli oltre quarant'anni dalla prima proiezione. Le scene d'antologia si sprecano e la recitazione degli attori è da manuale (il Max von Sydow de "Il settimo sigillo" su tutti).

  • User Icon

    Stephen

    11/03/2013 18.23.41

    Ottimo film, uno dei migliori del campo horror. Spaventoso, ricco di suspense e ottime interpretazioni. Ottimo Friedkin dietro la macchina da presa, buonissima sceneggiatura di William Peter Blatty e bravissimi interpreti. Ottima Linda Blair e meraviglioso Max Von Sydow. Capostipite di un genere, un film che ha fatto storia e che ha spaventato intere generazioni. Indubbiamente il mio film preferito.

  • User Icon

    Ernesto

    12/06/2012 15.43.27

    Sulla lotta di Regan con il Maligno si è detto molto, forse anche troppo. Ma io vorrei soffermarmi sù un'altra lotta, passata innosservata ma non per questo meno importante. Il conflitto interiore che stava combattendo Padre Damien, tra l'uomo con i suoi dubbi e debolezze, e il prete. Ma alla fine a vincere la lotta con il Maligno e con l'uomo sarà il prete, anche se a caro prezzo.

  • User Icon

    roccomcqueen

    20/07/2010 13.05.40

    Leggendo i commenti precedenti noto che molti non apprezzano il film,il che mi suona strano,ma comprensibile,perche' parliamo di un film a detta di molti "vecchio",oggi gli adolescenti hanno gia visto tutto e quando guardano un film del 1973 si mettono a ridere!!!comunque mettendo da parte il punto di vista dei giovanissimi,il film rimane un opera visivamente eccezzionale,con uno dei migliori registi del tempo,attori superbi(Max Von Sydow quello del Settimo Sigillo!!!)un atmosfera unica,un plot epico,degno di un Oscar.Infine Mike Oldfield che con la sua Tubular Bells a scandito le paure di molte generazioni.Infine in una mia classifica personale e' il secondo miglior horror in assoluto secondo soltanto al capolavoro di Polanski Rosemary's Baby.Immagino cosa i giovani possano dire guardandolo!!!se non li terrorizza L'esorcista!!!!!!!

  • User Icon

    stefano

    21/06/2010 11.41.38

    Il migliore film horror della intera storia del cinema. Candidato a 10 oscar avrebbe dovuto riceverli tutti. Linda Blair eccellente.

  • User Icon

    adelchi

    21/05/2009 16.24.29

    pochi film sanno coinvolgere emotivamente come l'esorcista. agghiacciante! un altro film di uguale argomento che merita attenzione è l'esorcismo di emily rose.

  • User Icon

    max

    13/07/2008 20.15.04

    da appassionato di horror ne conosco tanti , ma questo è il migliore.......nessuno è così fatto bene max

  • User Icon

    Federico

    28/04/2007 22.24.15

    Ho comprato questo DVD solo per curiosità, perché non ho mai guardato film dell'orrore. Ovviamente non spaventa per nulla, come prevedibile (ah, per chi avesse letto i commenti precedenti: l'ho visto da solo e al buio), però – stranamente: sarà perché sono nuovo al genere – non ho trovato né ridicole né noiose le scene cosiddette terrificanti; mi sono sembrate abbastanza giustificate all'interno della narrazione, che nel complesso risulta piuttosto godibile, fosse anche solo per la curiosità di vedere lo svolgimento della trama. Ho trovato soprattutto curioso e interessante il rapporto dei protestanti colla Chiesa cattolica; è divertente vedere come viene presentata nella storia e pensata dai personaggi, che (vedi psichiatri) la ridicolizzano ma non possono farne a meno: la Chiesa rappresenta in teoria l'irrazionalità che predomina là dove la razionalità non può arrivare, ma forse piú che altro le vecchie tradizioni, la "vecchia Europa", questa vecchietta un po' ridicola che si cerca di ignorare ma che non si può fare a meno di ascoltare perché appare depositaria di una saggezza tutto sommato superiore, anche se non adatta ai tempi. Tutto questo a livello subconscio, perché il film non è un capolavoro da cui aspettarsi grande profondità, e anche la presunta lotta fra razionale e irrazionale, fra credenti e non credenti (strano che ci siano tutti questi atei, nel film, e che la madre quasi si scandalizzi quando le chiedono se la figlia è credente), è interessante piú che altro per il suo riflesso nella narrazione stessa: sembra che il narratore medesimo non si sappia decidere fra razionale e irrazionale, perciò ci sono certi avvenimenti (i mobili che si spostano, il soffitto che si crepa) che proverebbero trattarsi di soprannaturale, ma poi spariscono (mobili al loro posto, soffitto indenna) e si qualificano come suggestioni, mentre altri sembrano incontestabilmente reali (il cassetto che si apre e viene chiuso). Incoerenze probabilmente dettate da necessità di spettacolo, ma comunque curiose.

  • User Icon

    Elias

    19/02/2007 11.29.34

    Esiste solo un film che riesce a farti vivere profondi momenti di terrore. Il doppiaggio poi è un qualcosa che non si dimentica facilmente. Colonna sonora da brividi. A distanza d'anni rimane sempre e forse la più alta pietra miliare del cinema horror.

  • User Icon

    Ricky

    12/02/2007 19.02.22

    William Friedkin trae dal romanzo di William Peter Blatty uno degli horror film più famosi della storia del cinema.Il film è un classico che ha spaventato intere generazioni,merito di una storia davvero impressionante e di una maestria registica invidiabile.Dotato di un'atmosfera carica di tensione,L'esorcista-versione integrale si presenta con alcune scene che furono tagliate nella versione uscita al cinema nel 1973,invero non essenziali ma comunque interessanti.Un horror che non sorprende lo spettatore con facili spaventi provenienti da squilli di telefono o urla improvvise,ma che fa riflettere sulla presenza del male nel mondo,sulla perdita della fede,sulla morte.Oscuro,disturbante.

  • User Icon

    Gianluca Olivetto

    03/02/2007 15.35.29

    Anche la persona più atea di questo mondo, se vede L'esorcista è capace di convertirsi all'istante. Mi chiedo ancora adesso come abbia fatto Linda Blair a interpretare così bene la parte dell'indemoniata. Quando vedo quella faccia mi vengono i brividi... Nessun film mi ha mai messo tanta angoscia. Per me è la miglior pellicola horror della storia, e non sarà mai seconda a nessun altro film.

  • User Icon

    Lot

    04/01/2007 16.45.39

    Il giudizio su questo film è ampiamente positivo, e lo testimoniano anche tutte le persone che hanno recensito in questa pagina. La storia è scritta da un autore, l'americano-libanese Peter W.Blatty, cresciuto con la solida fede cattolica che gli ha infuso la madre (almeno negli anni in cui è stato con lei, perchè L'Esorcista III - La legione, diretto e scritto da Blatty è inattendibile e non ortodosso). Ho letto diversi libri sugli esorcismi e perfino alcune trasformazioni di Megan sono da ritenere verosimili. In "Storie di esorcismi-La fossa del leone" di A.Muscio, che raccoglie la testimonianza di un giornalista cattolico che ha partecipato ad alcuni esorcismi, si legge che alcuni posseduti possono estendere le braccia in un secondo in modo straordinario, il loro cranio si modifica, possono allungare la lingua in modo innaturale; al termine, il "paziente" non risente di questo fisicamente. La conclusione è piuttosto strana: il demonio non si combatte a mani nude, anche se Karras era sconvolto; è tuttavia possibile che egli, dicendo "Prendi me" possa aver rivolto la possessione contro sé stesso (anche Gesù ordinò alla legione di demoni di andare nel branco di porci). Insomma le critiche dal punto di vista ortodosso sono ben poche. Anche la levitazione è possibile. Nel libro di padre Raul Salvucci "Che cosa fare con questi diavoli?", si narra l'episodio di un indemoniato che si solleva, da disteso, sui talloni con le braccia incrociate sul petto. Tutto quello che si vede nel film è realistico e i demoni durante gli esorcismi dicono ben peggio di "la p.. è mia" (per rispondere ad un amico che ha recensito più sotto)! Le aggiunte "subliminali" sono piuttosto inutili, a meno che non abbiano un fine edificante anziché solo quello di spaventare. In calce ad alcuni libri di Don Amorth sono contenute alcune preghiere contro il maleficio. Fatele e pregate anche molto, tutto il resto (rosario, etc). Non avrete da temere nulla.

  • User Icon

    Satine

    08/11/2006 23.58.21

    E' un pippone di dimensioni inimmaginnabili, ma per non so quale arcana ragione, di cui non mi sono ancora stancata. Può essere che io non subisca il potere della suggestione...chissà... So solo che l'ho trovato un film che non si riesce a "sentire", la paura vera e propria latita, sia da un punto di vista visivo nonostante il suo impatto sia molto crudo, sia da un punto di vista psicologico, teologico (quanto si parla del diavolo, e quanto poco si parla di dio, se ci si pensa bene?), ma almeno non ideologico. Sì, perché per me il film ha avuto senso ragionando sull'idea non di un diavolo che si impossessa di noi, ma di un diavolo dentro di noi, del diavolo che sentiamo essere in noi. Io sono PROFONDAMENTE atea, e quindi non posso che razionalizzare il tutto, non credo in dio né negli esorcismi (e rendiamoci conto che siamo nel 2006 e sotto la "dittatura" di una corrente religiosa che va ancora praticandoli...poveri noi), credo piuttosto sia un pensiero a cui si preferisce affezzionarsi, per evitare di ammettere che molto spesso il male è dentro di noi, e non fuori, pronto a possederci. I contenuti sono piuttosti forti, ma è una violenza ingiustificata, oserei dire ridicola, visto che senza, il film non riuscirebbe a "disturbarci", inquietarci, insinuare in noi un autentica e GENUINA sensazione di paura. Questo probabilmente perché se al "tenero" demone Pazuzu non fosse stato attribuito l'intercalare soffuso di lirismo di Vittorio Sgarbi, lo spettatore avrebbe sicuramente notato la sua evidente innocuita e richiesto che al suo posto venisse scritturato l'attuale pontefice. A quel punto sì che ci sarebbe stato da aver paura......... preferibile andarsi a prendere una granita con Satana, piuttosto che saggiare i "princìpi" del fondamentalismo cattolico. A parte gli scherzi, concludo sottolineando la maestrìa degli allora doppiatori, semplicemente FAVOLOSI. Così bravi da dare l'impressione che il film fosse stato girato in presa diretta, voci cariche di pathos, di emozione, ricche di carisma.

  • User Icon

    michael

    27/10/2006 16.25.23

    io non guardo gli horror, non perchè abbia paura ma solo perchè nn mi piacciono. ma i film che riguardano esorcismi sono molto belli, anchio all'inizio la pensavo come voi: che non faceva paura... però l'avevo visto con gli amici, e in certe occasioni si guardano solo le scene che ti impressionano, poi l'ho visto da solo all'una di notte... terrificante perchè segui la trama e poi ci pensi di notte, in quanto sai che cose del genre, a prescindere se uno ci crede o meno avvengono date pura la colpa al diavolo o alla mente sta di fatto che accadono veramente... il mio prof di religione è esorcista ci racconta qualcosina ma la maggior parte delle volte si rifiuta di parlare, fate voi...

  • User Icon

    sp_sdb__

    01/07/2006 18.36.37

    assolutamente fantastico!per quell'epoca doveva essere totalmente nuovo una cosa straordinaria e oggi con i 1000 film d'horror che ci sono resta ancora nelle sue origini:fantastico i capolavori si notano da questo,con il tempo l'emozione deve restare la stessa(intendo per chi lo vede la prima volta tanti anni dopo la creazione)

  • User Icon

    omar

    07/06/2006 23.58.10

    gran filmone ma la cosidetta versione integrale è un pò una bufala ,l'unica scena forte è la discesa dalle scale e il finale aggiunto e buonista stona nel contesto generale,meglio l'originale più deciso e riuscito

  • User Icon

    SmileJunior

    09/05/2006 20.54.15

    non c'è molto da dire: è 1 film STUPENDO. Non ci sono molti aggettivi per esprimere un'opera d'arte così bella.

Vedi tutte le 75 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
  • Produzione: Warner Home Video, 2001
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 131 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital Surround)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese; Islandese; Finlandese; Arabo; Rumeno; Bulgaro; Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: commenti tecnici; trailers