L' esperienza musicale. Teoria e storia della ricezione

Curatore: G. Borio, M. Garda
Editore: EDT
Anno edizione: 1989
Pagine: 232 p.
  • EAN: 9788870630633

€ 13,18

€ 15,50

Risparmi € 2,32 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello


scheda di Cresto-Dina, P., L'Indice 1989, n. 9

A partire dalla metà degli anni '70, la possibilità di applicare in campo musicologico alcune proposte teoriche che Jauss e gli studiosi della Scuola di Costanza avevano formulato in relazione all'esperienza letteraria ha condotto a un generale ripensamento dei fondamenti stessi dell'estetica musicale. In polemica con l'interesse esclusivo che tutta l'estetica post-kantiana ha mostrato nei confronti della verità interna (metafisica o sociale) dell'opera d'arte, i teorici della ricezione rilevano come il significato di un testo non si definisca soltanto in riferimento all'atto della creazione, ma venga costruito e, per così dire, trovi compimento nel corso della sua attiva fruizione. In questo modo, la concretizzazione del significato di un'opera musicale si articola attraverso tre momenti costitutivi: partitura, esecuzione, ascolto. A un primo gruppo di saggi di carattere teorico i curatori della raccolta accostano alcuni contributi di storia della ricezione. Di particolare interesse, in questo ambito, quelli di Dahlhaus, sull'origine dell'interpretazione romantica di Bach, e di Borio, sull'immagine "seriale" di Webern presso i compositori degli anni '50. Un'ampia bibliografia completa il volume.