Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

L'età fragile - Donatella Di Pietrantonio - copertina
L'età fragile - Donatella Di Pietrantonio - copertina
IN CLASSIFICA
Dati e Statistiche
Wishlist Salvato in 647 liste dei desideri
L'età fragile
Disponibile dal 26/07/24
17,10 €
-5% 18,00 €
17,10 € 18,00 € -5%
Disp. dal 26/07/24
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 € Spedizione gratuita
Disp. dal 26/07/2024 Disponibile dal 26/07/2024
Info
Nuovo
Multiservices
18,00 € + 7,50 € Spedizione
disponibile in 5 giorni lavorativi disponibile in 5 giorni lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 € Spedizione gratuita
Disp. dal 26/07/2024 Disponibile dal 26/07/2024
Info
Nuovo
Multiservices
18,00 € + 7,50 € Spedizione
disponibile in 5 giorni lavorativi disponibile in 5 giorni lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
L'età fragile - Donatella Di Pietrantonio - copertina
Chiudi
età fragile

Descrizione

Libro vincitore del Premio Strega 2024
Libro vincitore del Premio Strega Giovani 2024

Presentato da Vittorio Lingiardi nell’ambito dei titoli proposti dagli Amici della domenica al Premio Strega 2024.
Con la sua scrittura scabra, vibratile e profonda, capace di farci sentire il peso di un’occhiata e il suono di una domanda senza risposta, Donatella Di Pietrantonio tocca in questo romanzo una tensione tutta nuova.


Non esiste un’età senza paura. Siamo fragili sempre, da genitori e da figli, quando bisogna ricostruire e quando non si sa nemmeno dove gettare le fondamenta. Ma c’è un momento preciso, quando ci buttiamo nel mondo, in cui siamo esposti e nudi, e il mondo non ci deve ferire. Per questo Lucia, che una notte di trent’anni fa si è salvata per un caso, adesso scruta con spavento il silenzio di sua figlia. Quella notte al Dente del Lupo c’erano tutti. I pastori dell’Appennino, i proprietari del campeggio, i cacciatori, i carabinieri. Tutti, tranne tre ragazze che non c’erano più.

Amanda prende per un soffio uno degli ultimi treni e torna a casa, in quel paese vicino a Pescara da cui era scappata di corsa. A sua madre basta uno sguardo per capire che qualcosa in lei si è spento: i primi tempi a Milano aveva le luci della città negli occhi, ora sembra che desideri soltanto scomparire, si chiude in camera e non parla quasi. Lucia vorrebbe tenerla al riparo da tutto, anche a costo di soffocarla, ma c’è un segreto che non può nasconderle. Sotto il Dente del Lupo, su un terreno che appartiene alla loro famiglia e adesso fa gola agli speculatori edilizi, si vedono ancora i resti di un campeggio dove tanti anni prima è successo un fatto terribile. A volte il tempo decide di tornare indietro: sotto a quella montagna che Lucia ha sempre cercato di dimenticare, tra i pascoli e i boschi della sua età fragile, tutti i fili si tendono. Stretta fra il vecchio padre così radicato nella terra e questa figlia più cocciuta di lui, Lucia capisce che c’è una forza che la attraversa. Forse la nostra unica eredità sono le ferite.

Proposto da Vittorio Lingiardi al Premio Strega 2024 con la seguente motivazione:
«L’età fragile non è un’età della vita, è la vita stessa. La memoria che non può nascondere il dolore, la solitudine dopo la separazione, la colpa per la sopravvivenza. La vita dura come un sasso che Donatella Di Pietrantonio riesce a levigare con le mani sicure della sua scrittura. "L’età fragile" è la storia di una famiglia sospesa nel segreto del trauma, parole mai dette rinchiuse nel cuore di una montagna d’Abruzzo che è insieme psiche e paesaggio. "L’età fragile" è il romanzo di una madre che non trova respiro, stretta tra la severità del padre e il silenzio della figlia. Un libro che raccontando il dolore lo cura, perché a scriverlo è una donna che conosce il miracolo delle parole e il sangue delle ferite. Per questo è il mio candidato al Premio Strega.»

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2023
26 luglio 2024
192 p., Rilegato
9788806255787

Valutazioni e recensioni

4,26/5
Recensioni: 4/5
(23)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(12)
4
(8)
3
(1)
2
(1)
1
(1)

Recensioni pubblicate senza verifica sull'acquisto del prodotto.

patrizia eicher
Recensioni: 3/5
premio strega?

La vicenda è ben ideata, lo sviluppo è abbastanza prevedibile, ma regge. Ciò che mi ha lasciata perplessa è la mancanza di approfondimento del carattere dei personaggi, alcuni nemmeno percepibili. Un altro elemento che ho trovato faticoso è l'eccesso di paratassi. Giudizio non del tutto positivo.

Leggi di più Leggi di meno
Massimo
Recensioni: 4/5
La nostra età

Di questo breve romanzo (192 pag.) ne ho tratto un giudizio controverso, per alcuni aspetti positivo e per altri negativo. Ho ammirato la sua grande capacità narrativa per lo stile della scrittura, per la capacità geografica di saper efficacemente collocare in modo corretto gli eventi, con brevi e a volte brevissimi capitoli, infine, il saper usare appropriatamente i flashback per creare un intreccio narrativo e relazionale interessante e coinvolgente. Forse però, sono i temi che faticano ad emergere o quantomeno ho faticato a cogliere: certamente il tema della fragilità umana è quello principale. A mio modo di pensare non c’è un’età fragile specifica nella nostra vita, quando nasciamo in realtà siamo tutti affetti da una grave malattia e incurabile che è la vita. E’ la consapevolezza della fragilità che è spesso in noi latitante. Ma come dice bene il titolo, c’è un’età, che corrisponde all’età di mezzo della voce narrante di Lucia (Mamma, moglie separata, professionista) che per fatti negativi contingenti della figlia, inizia una introspezione sulla sua vita (ma comincia anche la nostra). In realtà è questo il periodo, anche per noi, di tirare qualche bilancio, di guardare al passato, al presente e al futuro sulla qualità delle nostre relazioni, specialmente famigliari. Da giovani eravamo troppo spensierati per pensare alla fragilità intrinsecamente umana, solo ora possiamo farlo e, come fa l’autrice alla fine del romanzo con pagine commoventi e oserei dire poetiche, possiamo darci una pacca sulla spalla e dire “che bravi che siamo stati” ad andare avanti, sempre, nei momenti no e quelli sì. Il capitolo finale “Concerto” è veramente bello; un affresco onirico dove compaiono tutti come dopo uno spettacolo teatrale, dove il sipario della vita si apre e siamo lì a cogliere gli applausi … ma che bravi che siamo stati.

Leggi di più Leggi di meno
Mina
Recensioni: 4/5
Carino

In una storia che ha connotati tragici, l'autrice rende vivi e veri tutti i protagonisti, permeandoli di quotidianità e vicende familiari che sono si' fragili, ma anche forti per poter riprendere in mano le proprie vite. Consigliato

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,26/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(12)
4
(8)
3
(1)
2
(1)
1
(1)

Recensioni pubblicate senza verifica sull'acquisto del prodotto.

Voce della critica

Non si può parlare di una vera e propria età fragile: si è vulnerabili da bambini così come da adulti. A nessun uomo è concesso, anche solo per un breve periodo, di essere incolume dalla paura. Amanda, a vent’anni, lascia Milano, dove era approdata carica con bagagli pieni soprattutto di  speranza. Fa ritorno a casa, abbandona l’università e i suoi sogni che sembrano non avere più  l’importanza di una volta. Non è però l’unica a barcollare in un buio che pare non avere una fine.

Sua madre Lucia è legata ai dolorosi ricordi di un passato che continua a rallentare i suoi passi nel  presente. Vorrebbe rompere il silenzio in cui la figlia si è nascosta, vorrebbe liberarla dalle paure, dalle preoccupazioni che attanagliano anche il suo cuore di madre. È consapevole che arriva un momento nella vita in cui i figli devono imparare a cadere, per poi trovare la forza di rialzarsi, ma lei vorrebbe ancora tenere Amanda al riparo dai dolori, dalle delusioni e soffre il suo percepirsi come madre inadeguata, sbagliata, come se il destino di sua figlia dipendesse solo da lei, da quel che avrebbe potuto fare e non ha fatto, da ciò che ha sbagliato.

Un groviglio di sensi di colpa, una profonda sensibilità che si scontra con l'animo rude del padre, uomo radicato alla terra, agli ideali e ai valori del passato, ai quali si sente di appartenere, senza riuscire a camminare in un presente inaccettabile, ad andare verso un futuro che sente estraneo, in cui lui si sente straniero.

Nel romanzo L’età fragile, Donatella Di Pietrantonio scava a fondo nella psicologia dei personaggi, che rimangono impressi nella memoria del lettore, dipingendo un ritratto variegato della natura umana, di cui coglie importanti e diverse sfaccettature. Una storia che si muove fra il presente e il passato, raccontata con una scrittura incalzante e avvolgente, che spinge il lettore a fare un viaggio introspettivo alla scoperta delle proprie paure e fragilità.

L’omicidio terribile di due giovani donne avvenuto in un campeggio presso il Dente Del Lupo, proprio su quel terreno che appartiene alla famiglia protagonista, e ispirato ad un fatto di cronaca noto come il “Delitto del Morrone”, è di certo uno degli episodi cardine del romanzo con il conseguente effetto che questo femminicidio ha avuto sugli abitanti del paesino e in particolar modo sulla protagonista, Lucia, divorata da un lacerante senso di colpa per aver lasciato sola l’amica Doralice, scampata per un pelo alla morte, e aver scelto di andare al mare.

L’età fragile è un romanzo traboccante di emozioni, e su tutte domina la paura che agisce sulla maggior parte delle azioni umane. La scrittrice dipinge, con pennellate realistiche, un quadro perfetto del dolore, dei non detti, dei rimorsi. Affronta la complessità della vita umana caratterizzata da rabbia, speranza, amore, perdita e soprattutto da una continua lotta contro la sofferenza nel tentativo di trasformare le cicatrici, gli inciampi e le ferite in un punto di forza.


Recensione a cura di Maddalena Rizzello nell'ambito del Premio BPER per la migliore recensione letta in occasione del Premio Strega Giovani

Leggi di più Leggi di meno

Cento e settantasei pagine che ho attraversate tutte in un pomeriggio, con il fiato sospeso, dimenticando di non essere, anch'io, parte della storia.


La forza narrativa travolgente de L’età fragile di Donatella Di Pietrantonio (Einaudi) nasce dalle relazioni, da cui derivano i fatti. 


I personaggi non sono in grado di esprimere i loro stati d’animo, perciò avanzano tra le pagine caricandosi sulle spalle il peso dei non detti. Amanda sta zitta, chiusa in camera per giorni, autoesclusa dalla vita. Lucia, narratrice della storia, fatica a stabilire una relazione con lei, sua figlia. Rocco, invece, anziano padre di Lucia, non si arrende alla vita che finisce. Sono tutti, a loro modo, fragili. L’età fragile non è allora univoca, può essere qualsiasi momento della vita, anche la vita intera.


Fragili sono tutti gli abitanti di quel paesino d’Abruzzo vicino a Pescara; lo è Dente del lupo, dove Lucia è cresciuta insieme alla sua amica Doralice. Il loro posto sicuro, almeno fino a quella notte terribile di fine estate, in cui la loro giovinezza si è interrotta a soli vent’anni.


Amanda e Lucia si trovano, in questo, allineate: entrambe vivono una giovinezza spezzata.


Dalle relazioni, scaturiscono anche le ripartenze. Quella del paese, dopo l’efferato crimine; quella di Amanda, dopo Milano; quella di Lucia e di Doralice, dopo quella notte. Anche il finale è una ripartenza, il ritorno a Dente del Lupo e alla vita com’era prima. Ci sono voluti trent’anni, perché la natura cancellasse le tracce di quell’orrore; c’è voluta una ruspa da demolizione ed ecco la nuova vita. Da questo momento, si può iniziare a ricostruire.


La scrittura va dritta al punto, senza risparmiarsi in durezza
. Nessuna lungaggine, ma descrizioni efficaci che regalano immagini difficili da dimenticare. I capelli rossi di Amanda, per esempio, che vanno di pari passo con il suo umore: sono privi di luce quando anche lei lo è; sono infuocati quando si risveglia.


L’età fragile
scorre veloce sotto gli occhi di chi legge. Grazie allo stile lineare, ma soprattutto grazie alla narrazione che procede senza intoppi alimentando, di continuo, la curiosità del lettore.


Il tempo salta avanti e indietro in uno zigzagare ben congegnato, in cui è impossibile perdere il filo.


La storia ruba dall’esperienza di vita di chi l’ha scritta
: l’Abruzzo e la montagna; un padre severo e una madre divisa tra i campi e la casa, senza tempo per sé stessa; il delitto del Morrone.


Per tutti questi meriti, L’età fragile si è guadagnato un posto tra i dodici finalisti del Premio Strega 2024. Che dire, se non in bocca al – Dente del – lupo, Donatella!


Recensione a cura di Alice Dalle Grave

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Donatella Di Pietrantonio

1962, Arsita

Donatella Di Pietrantonio è un'autrice italiana. Laureata in odontoiatria all'Università dell'Aquila, ha esercitato la professione di dentista pediatrica. Si dedica in seguito alla scrittura, esordendo con il romanzo Mia madre è un fiume (Elliot 2011, Premio Tropea). Per Einaudi ha pubblicato L'Arminuta (2017), vincitore Premio Campiello 2017 e Bella mia, con cui ha partecipato al Premio Strega 2014 e ha vinto il Premio Brancati e il Premio Vittoriano Esposito Città di Celano.Escono sempre per Einaudi nel 2020 Borgo Sud e nel 2023 L’età fragile, vincitore del Premio Strega 2024 e del Premio Strega Giovani 2024.Fonte immagine: Maremosso

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore