L' euro. Come una moneta comune minaccia il futuro dell'Europa

Joseph E. Stiglitz

Traduttore: D. Cavallini
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 24 aprile 2017
Pagine: XXIV-456 p., Brossura
  • EAN: 9788806230135

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Economia e diritto - Economia - Macroeconomia - Economia monetaria

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 17,85

€ 21,00

Risparmi € 3,15 (15%)

Venduto e spedito da IBS

18 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lapo

    22/06/2018 16:35:30

    Perché l’eurozona ha fallito? Come il sistema bancario e l’irrazionalità del mercato hanno contribuito alla recessione? Perché le ricette della Troika sono state ciniche e fallimentari? In che misura la moneta unica è diventata un problema per milioni di persone anziché un’opportunità? E soprattutto, come è possibile uscire da queste spirali perverse? A queste e ad altre domande risponde Stiglitz con la forza di analisi autorevoli e persuasive, e spiega in termini chiari che invece di un’auspicata Europa delle convergenze il sistema procede accentuando le divergenze e gli squilibri fra Paesi ricchi e Paesi poveri e rompendo quei vincoli di solidarietà che dovrebbero essere alla base di qualsiasi comunità civile. E questo, secondo il Nobel, non solo perché i fondatori dell’euro hanno istituito una moneta unica prima di creare le istituzioni politiche incaricate di gestirla, ma anche a causa della natura ideologica nelle premesse della creazione dell’eurozona, presupposti che non sono stati ripensati dopo l’inizio della crisi; e per le pesanti responsabilità della Troika nell’imporre soluzioni che non risolvono le difficoltà ma nei fatti tendono a contrarre il ruolo dello Stato. In alternativa a questa via senza uscita Stiglitz propone alcuni scenari che, ribaltando le teorie «sconclusionate e ormai screditate» su cui poggia l’intero impianto, introducono quelle riforme strutturali necessarie al superamento delle rigidità normative e alla riduzione delle disuguaglianze; tutto ciò a patto di liberarsi dai dogmi liberisti degli ultimi decenni, di convincersi che deve essere il sistema finanziario a servire la società (e non viceversa) e di considerare che l’euro non è un fine ma un mezzo per costruire un’Europa che sappia guardare anche al di là dell’economia, colmando il deficit di democrazia che l’affligge.

  • User Icon

    Paolo

    09/02/2018 18:11:58

    Lo consiglierei? SI. Interessante per le elezioni imminenti!

Scrivi una recensione
Indice.

Prefazione

Parte prima. L'Europa in crisi
I. La crisi dell'euro
II. L'euro: speranze e realtà
III. I risultati deludenti dell'Europa

Parte seconda. Difetti di partenza
I. Le sole condizioni in cui una moneta unica può funzionare
II. L'euro: un sistema divergente
III. Politica monetaria e Banca centrale europea

Parte terza. Politiche sbagliate
I. Combattere la crisi: in che modo le politiche della Troika hanno aggravato i difetti strutturali dell'eurozona portando alla depressione
II. Le riforme strutturali che hanno aggravato i problemi

Parte quarta. Esiste una soluzione?
I. Creare un'eurozona che funziona - Un divorzio consensuale è possibile? - Verso un euro flessibile - La strada da seguire

Postfazione. La Brexit e le sue conseguenze