Topone PDP Libri
Salvato in 2 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Euro sì. Morire per Maastricht
4,42 € 4,65 €
LIBRO
Venditore: IBS
+40 punti Effe
-5% 4,65 € 4,42 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
4,42 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
4,42 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Euro sì. Morire per Maastricht - Enrico Letta - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Euro sì. Morire per Maastricht Enrico Letta
€ 4,65
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Dettagli

2
1997
2 maggio 1997
100 p.
9788842052487

Voce della critica


scheda di Magrin, G., L'Indice 1998, n. 5

Questi due libretti gemelli uscivano nell'aprile del 1997, in piena "bagarre" italo-tedesca circa la possibilità di un ingresso italiano nel "gruppo di testa" dell'euro. Ormai un anno è trascorso, ma i due saggi in questione rimangono quantomai attuali e rispondono a un'esigenza di informazione non del tutto soddisfatta. La prospettiva da cui gli autori osservano la marcia verso l'euro è comune: l'Italia. Comune è il riconoscimento che la scommessa della moneta unica è, nel bene o nel male, "una tappa storica per l'Europa". Comune è infine l'intenzione di desumere un significato politico dell'euro dalla ricostruzione storica del processo che ha condotto fino a Maastricht. Ma qui si fermano le analogie e cominciano le differenze. Le critiche mosse da Caracciolo alla moneta unica poggiano su argomenti di carattere essenzialmente geopolitico. Il passato e il presente di Maastricht, lungi dal consolidare l'auspicabile unità europea, fomentano a suo giudizio un processo disgregatore, che ha il suo centro nell'Europa a due velocità", investe il rapporto con i paesi dell'est europeo e rischia di compromettere la solidarietà transatlantica. Il quadro a tinte fosche delineato da Caracciolo è completato da un più generale scetticismo sulla possibilità che l'euro possa essere il viatico di un'unione politica duratura. La strategia argomentativa di Letta presenta invece l'unione monetaria come il primo approdo di un coerente percorso verso l'unità, durato un quarantennio. L'originalità del percorso - prima l'economia, poi la politica - non comporta rischi secondo l'autore. Riflette piuttosto un'acquisita "simbiosi" di politica ed economia, di cui i parametri di Maastricht sono un'espressione sostanzialmente corretta e che ha già dato buona prova di sé nel risanamento economico degli ultimi anni. Il processo non va interrotto, ma semmai completato, anche attraverso un maggiore e più consapevole contributo italiano.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Enrico Letta

1966, Pisa

È stato Presidente del Consiglio dei Ministri nel 2013 e 2014. È stato ministro e parlamentare. Nel 2015 ha deciso di dimettersi dalla Camera dei Deputati per andare a dirigere la Scuola di Affari Internazionali dell’Università Sciences Po di Parigi. Nello stesso anno ha fondato, in Italia, due istituzioni no-profit, la Scuola di Politiche e l’Associazione Italia-Asean. È anche Presidente dell’Istituto Jacques Delors.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore