Facciamo il tifo insieme

Take Me Out to the Ball Game

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Take Me Out to the Ball Game
Paese: Stati Uniti
Anno: 1949
Supporto: DVD
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 12,64 €)

La giovane Katherine Higghins eredita una squadra di baseball e, fra l'incredulità di tutti, dimostra di saperci fare. La star della squadra è Eddie che ha però anche la passione del canto e del ballo. Un losco allibratore che ha puntato contro i Lupi, scopre che Eddie vorrebbe far parte del mondo dello spettacolo e lo convince ad accettare una scrittura per una rivista in cui ha un ruolo di primo piano. Così Eddie, giocando di giorno e provando la sera, si stanca e non rende più; la squadra conosce le prime sconfitte.
  • Produzione: A & R Productions, 2015
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Durata: 100 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Busby Berkeley Cover

    "Regista e coreografo statunitense. Per il gusto sontuoso dei suoi «quadri viventi» (composti a volte da centinaia di ballerine), la cura dei particolari anche minimi, il senso infallibile del ritmo (calcolato all'interno di una sola inquadratura o prodotto da una serie di inquadrature) influenza grandemente il musical hollywoodiano degli anni '30 e '40. Ai suoi numeri di danza (famosissima quella dei violini in Quarantaduesima strada, 1933, di L. Bacon) devono molto tutti i registi di musical e soprattutto G. Kelly (lanciato da B. in For Me and My Gal, Per me e la mia ragazza, 1942). Nei film che ha diretto da solo (Donne di lusso, 1935; Piccoli attori, 1939; Musica indiavolata, 1940; Facciamo il tifo insieme, 1949) ha usato la mdp con classica sobrietà e rigore. Alcune sue costanti figurative... Approfondisci
  • Frank Sinatra Cover

    Cantante e attore statunitense. Dopo aver vinto un concorso canoro radiofonico si impone in breve tempo come uno dei più popolari solisti statunitensi, meritandosi il soprannome di «The voice», agli inizi degli anni '40. Di lì a poco esordisce sul grande schermo esibendosi prima come cantante, per poi guadagnarsi ruoli attoriali di tutto rispetto. I primi successi li ottiene in coppia con il ballerino G. Kelly in musical come Due marinai e una ragazza (1945) di G. Sidney e Un giorno a New York (1949) di S. Donen, in cui dà prova di notevole disinvoltura ed eclettismo. Agli inizi degli anni '50, colpito da gravi disturbi alle corde vocali, abbandona momentaneamente la canzone per dedicarsi al cinema: la sua recitazione istintiva e il serio impegno interpretativo, uniti a un talento eterogeneo... Approfondisci
  • Esther Williams Cover

    "Attrice statunitense. Dopo una brillante carriera di nuotatrice, esordisce sulle scene, accanto a J. Weissmuller, nello spettacolo nell'acqua Billy Rose's Arcade (1940). Nel cinema ottiene un successo clamoroso come protagonista di Bellezze al bagno (1944) di J. Sidney, cui seguono numerose altre commedie musicali impostate soprattutto sulle sue qualità natatorie (Ziegfeld Follies, 1946, di V. Minnelli; Facciamo il tifo insieme di B. Berkeley e La figlia di Nettuno, di E. Buzzell, entrambi del 1949; La ninfa degli antipodi, 1952, di M. LeRoy). In seguito, la mgm tenta invano di lanciarla come attrice drammatica." Approfondisci
  • Gene Kelly Cover

    Ballerino, coreografo, attore e regista statunitense. Studiò alla scuola di danza della madre e alla Pittsburgh University, dove curò diverse edizioni dell'annuale Cap and Gown Show. A partire dal 1939 si esibì in numerosi musical, prima di incontrare il successo a New York con Pal Joey (1941), che fu subito ripreso a Hollywood. La sua fama si consolidò grazie ai film che egli stesso diresse, come i noti Un giorno a New York (1949) e Cantando sotto la pioggia (1951), e a quelli di altri registi, da lui interpretati, tra i quali Un americano a Parigi (1952) e Les Girls (1957). Come regista cinematografico diresse inoltre: È sempre bel tempo (1955), Il tunnel dell'amore (1958), Hello Dolly! (1969) e Non stuzzicate i cow-boys che dormono (1970); come ballerino comparve anche in show televisivi... Approfondisci
Note legali