Categorie

€ 7,80

€ 10,40

Risparmi € 2,60 (25%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elio

    26/02/2014 08.57.40

    Che libro ragazzi! l'ho letteralmente divorato e si legge molto facilmente... alcune parti rimarranno indelebili nella mia memoria, tipo quando il protagonista McCoj si ritrova, suo malgrado, in tribunale, dopo aver sostato per qualche ora in una cella con altri detenuti. Man mano che andavo avanti con la lettura, mi sono schierato sempre più dalla parte del protagonista e, sinceramente, speravo in un finale diverso, che prevedesse una piena redenzione del giovane finanziere. E' bella, però, anche l'idea dell'autore, che immagina per McCoj una morte spirituale e una rinascita di un nuovo uomo. Nel libro si capisce, in modo crudo, la disfatta del protagonista, vittima del sistema giudiziario e politico americano.

  • User Icon

    Pietro

    24/04/2009 11.44.48

    Che si tratti di un capolavoro, lo si capisce già dopo le prime dieci pagine. Ogni personaggio è rappresentato impietosamente con tutti con i suoi tic, manie, pulsioni sessuali, ambizioni, paure. E ogni ambiente è reso in maniera realistica pur senza apparire mai come una cartolina letteraria. Non è facile trovare romanzi simili, oggi. Romanzi nei quali la narrazione scorre veloce, pur senza essere mai superficiale. Romanzi capaci di raccontarci la nostra realtà come nessun film o saggio è in grado di fare. A mio parere alcuni brani (uno su tutti: "La maschera della morte rossa") dovrebbero farli leggere a scuola per due motivi: 1) apprezzare tutte le potenzialità di un grande romanzo storico contemporaneo 2) conoscere un certo tipo di America degli anni ottanta.

  • User Icon

    Pietro

    30/09/2008 12.12.09

    Posso capire perché questo libro, alla sua uscita nei primi anni ’80, sia stato un autentico “caso” editoriale. E’, secondo me, efficace come pochi nel raccontare la realtà americana, ma direi la realtà di una società moderna fondata sull’immagine e sul ruolo. Non vi aspettate da Wolfe personaggi simpatici, teneri, cui sentirsi solidali. Avrete invece personaggi dalle motivazioni sempre meschine, scarsamente interessati al proprio prossimo e preoccupati solo di non sfigurare di fronte agli altri, personaggi che vi risulteranno antipatici, ma che sentirete VERI….non semplici macchiette, piuttosto uomini e donne deboli, trascinati da situazioni più grandi di loro. E’ un esempio di bestseller, secondo me, intelligente. Una storia semplice (la caduta in disgrazia di un brillante uomo d’affari di Wall Street a causa di uno sfortunato incidente, e dell’accanirsi di una intera città contro di lui, quasi a farne una sorta di capro espiatorio delle colpe collettive di un’intera società) che offre mille spunti di riflessione, ma che non risulta mai pesante

  • User Icon

    Lucia

    31/12/2007 00.20.14

    L'ho appena terminato! Non fatevi spaventare dalla mole del libro...Tom Wolfe è eccezzionale! Da non perdere!

  • User Icon

    Ale

    04/09/2007 15.49.45

    Tom Wolfe ha una capacità incredibile di raccontare storie, è un direttore d'orchestra che costruisce una trama avvincente mettendo insieme personaggi e situazioni in una sinfonia perfetta di voci e toni differenti. Davvero un libro da leggere, consigliare e ricordare.

  • User Icon

    picc

    25/11/2006 10.19.34

    Pessimo, farraginoso quasi pedante.

  • User Icon

    Stefy

    29/01/2006 19.28.52

    Un capolavoro, inutile aggiungere altre parole.

  • User Icon

    Maria Francesca

    19/09/2005 10.19.29

    Un'eccellente riflessione sulla vanità e inconsistenza del dio denaro...Un'amara riflessione sul mondo di oggi... Tom Wolfe ci regala un capolavoro.

  • User Icon

    PROT

    06/04/2005 14.49.25

    è il classico libro che rimpiangi di avere già letto... grande

  • User Icon

    Fausto Fiscina

    17/02/2003 18.50.14

    Le prime cento pagine di questo vigoroso romanzo sono quanto di più realistico, crudo, veritiero e lacerante siano state scritte sulla realtà americana degli anni ottanta. Il seguito del romanzo mantiene la qualità complessiva, ma, ripeto, le prime cento pagine sono una coltellata. Speriamo che il "grande signore in bianco del Sud" non ci lasci nella polvere dell'attesa e che si decida a scrivere un nuovo romanzo, deve solo guardarsi intorno e mettere mano al suo grande talento.

  • User Icon

    Fabrizio

    17/01/2003 14.34.08

    Una riflessione sulla nostra società, sulle sue paure, ipocrisie, fragilità, condotta con sapienza e senza mai cadere di ritmo, di tono. Ritmo adeguato e personaggi "veri", con una forte caratterizzazione psicologica. Noi e la nostra vita, piena di false illusioni che bruciano in un bel falò.

  • User Icon

    vanni

    13/01/2003 12.42.49

    Epico, ferocissimo, fondamentale. Probabilmente, il più bel romanzo americano degli '80.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione