Editore: Laterza
Edizione: 2
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
Pagine: 224 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788858128794

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Arte, architettura e fotografia - Argomenti d'interesse generale - Teoria delle arti

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    n.d.

    08/11/2017 14:49:47

    veramente innovativo e interessante, fornisce molte idee per progetti e attività con i bambini

  • User Icon

    Marta

    06/06/2007 21:31:20

    un testo meraviglioso acquistato per un esame che mi ha aperto gli occhi per un mondo meraviglioso che non conoscevo nel modo migliore... un piccolo genio dell'arte e della pedagogia!

  • User Icon

    Filomena Di Cosmo

    02/11/2006 20:25:33

    Che dire, Munari è anche un artista della parola, a conferma del fatto che si possono utilizzare termini semplici per esprimere concetti fondamentali sull'arte, la fantasia (il titolo lo preannuncia), l'invenzione... Il libro è senz'altro un'opera da conservare gelosamente.

Scrivi una recensione

Come si stimola la creatività? C’è un metodo corretto per immaginare? “Fantasia” è solo un sinonimo di queste capacità? Partendo da queste domande, Bruno Munari sviluppa un’indagine che cerca di trovare dei meccanismi logici e, soprattutto, comunicabili.

L’immaginazione, per Munari, è sterile se non entra nel mondo. Per farla entrare però, specialmente quando si tratta di una cosa che ancora non esiste (ma che qualcuno già riesce a vedere - per questo motivo uno degli attributi più usato per i designer è “visionari”), deve essere comunicata nel miglior modo possibile agli altri, che siano i membri del team di lavoro o il pubblico.

La risposta di Bruno Munari è sì, si può esercitare la creatività/fantasia: i laboratori in cui mette in atto il suo metodo sono proprio orientati al recupero o allo sviluppo dell’elasticità, del trovare relazioni inedite, dell’immaginare le possibili soluzioni. Una rosa non è solo una rosa: è anche la sezione di un gambo d’insalata e, soprattutto, uno stampo.

Un libro per ricordarsi che l’immaginazione è una cosa seria, un potere collettivo, in grado di cambiare davvero le cose. Quando si sa come usarla, ovviamente.