Categorie

Dieter Schlesak

Traduttore: T. Cavallo
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 437 p. , ill. , Brossura
  • EAN: 9788811694410
Disponibile anche in altri formati oppure usato:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    AdrianaT.

    31/12/2016 16.10.00

    "Leere als Lehre - Il vuoto come dottrina" Ci sono libri il cui contenuto trascende ogni considerazione in merito a forma stile scrittura e registro, com'è solito fare quando si commenta e si valuta una lettura. Ma per questo documento/testimonianza non ha senso, perché certi particolari si annullano in quel vuoto pieno di orrori assoluti che forse si spiegano nella quasi perfetta omofonia di due sole parole.

  • User Icon

    lee66

    26/01/2012 14.45.44

    un altro tassello che si aggiunge all'infinito racconto dell'olocausto e dei suoi protagonisti. Un libro su Auschwitz non sarà mai nè prolisso nè noioso ma servirà solo a rinfrescare la memoria per non dimenticare mai. Da leggere in ogni caso.

  • User Icon

    monica

    23/01/2012 08.45.29

    Forse in alcune sue pagine e' un po' ripetitivo ma sono piu' tetimonianze di coloro che hanno vissuto Capesius in Auschwitz ed e' per questo che sono simili. Era un farmacista con tanto di discutibile farmacia in Lager, selezionava le vittime da mandare in gas sulla banchina accompagnandole a volte negli impianti di sterminio, dediceva quanto gas utilizzare per le uccisioni, ha mandato a morire parecchi suoi conoscenti e amici, si arricchi' depredando gli ultimi averi degli assassinati, per lui Auschwitz fu soltanto lo strumento per permettersi un futuro di lusso sfrenato ed uccidere per questo era necessario. Si difende raccontando menzogne smentibili da fatti veri e propri, mostra in realta' la sua assoluta fredda cinicita' ed indifferenza per il suo lavoro in Lager, nessun senso di colpa, nessun senso di caritatevole pieta' per le sue vitime, nulla di nulla, si riteneva assolutamente innocente. Una lievissima condanna per i suoi crimini, quanti saranno i secondi che sconto' in carcere per ogni sua vittima? Questo libro non parla soltanto del farmacista di Auschwitz, parla del fanatismo di coloro, che lucidamente approvarono questo progetto di sterminio per estirpare i malanni che potessero minare la purezza della razza e quei malanni erano uomini, il principio fondamentale su cui si basava la politica di Hitler come il progetto eutanasia, racconta gli avvenimenti degli ultimi giorni di vita del Lager, la distruzione delle prove del genocidio e l'uccisione di coloro che sapevano troppo su cio' che fu Auschwitz. E' un documento importante sull 'Olocausto, che sia pesante ed angosciante non conta, va analizzato nel suo contenuto e guardato con gli occhi di chi visse Auschwitz da deportato.

  • User Icon

    Ragnetto

    14/12/2011 11.41.00

    Non so che voto dare perché non ho finito di leggere il libro....e non l'ho finito perché mi faceva star male. Non è la prima volta che leggo suulle atrocità della Shoah, eppure le prime 60 pagine di questo libro-testimonianza mi hanno piegato....Spero un giorno di poterlo riprendere, ma ci vuole davvero una grande tranquillità d'animo per sopportare quello che viene descritto nei particolari.E' un qualcosa che scava nella coscienza di tutti, perché come diceva M.L.King: "Non è grave il clamore chiassoso dei violenti, bensì il silenzio spaventoso delle persone oneste".

  • User Icon

    rosario

    18/07/2011 00.35.24

    uhmmmmmmm che delusione .... libro prolisso!! Stessa considerazione sul farmacista di auschwitz ... ho creduto del libro in oggetto una prova di riscatto, invano!!

  • User Icon

    miki

    16/09/2010 20.18.11

    ho appena finito di leggere questo libro..beh..sinceramente mi ha un pò deluso,mi aspettavo qualcosa di più! ed è anche un pò "noiosetto" la parte del processo!! per carità,l'autore è stato molto sensibile a riportare in memoria una pagina "nera"della nostra storia...però...non mi è tanto piaciuto...sicuramente c'è di meglio!!!

  • User Icon

    M.T.

    04/05/2010 14.56.02

    Seppur meritevole di rinnovare la memoria dei crimini commessi nei lager, il testo è confusionario, salta da un personaggio all'altro, senza una linea precisa di racconto.

  • User Icon

    Brunella

    09/04/2010 12.13.01

    Sconcertante, disumano e questo libro testimonia per l'ennesima volta il genocidio degli ebrei. Quanto arrivi alla fine del libro ti resta dentro un'immensa amarezza sapendo che alcuni "esseri umani"(che di umano non avevano nulla) non provavano nessun rimorso nell'uccidere in maniera atroce i propri simili. Allucinante.

  • User Icon

    Umberto75

    29/11/2009 10.49.46

    Perchè? La domanda leggendo su Oswicem è sempre quella? Perchè? Come è stato possibile tale indicidibile barbarie? Se questo è un uomo diceva Levi ed aveva dannatamente ragione. Qui c'è un'ulteriore testimonianza della discesa agli inferi del genere umano. Da leggere per non dimenticare in quanto non è possibile capire perchè tutto questo è stato possibile!

  • User Icon

    Fabio Ponzana

    22/11/2009 12.55.25

    Libro molto bello. Indimenticabile.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione