The father. Nulla è come sembra (DVD) di Florian Zeller - DVD
Salvato in 63 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
The father. Nulla è come sembra (DVD)
14,99 €
;
DVD
Dettagli Mostra info
The father. Nulla è come sembra (DVD) 150 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,99 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
14,99 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Vecosell
17,24 € + 3,90 € Spedizione
Disponibile in 4 gg lavorativi Disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Juke Box
23,30 €
Disponibile in 4 gg lavorativi Disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
De Santi
17,90 € + 6,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
ModenaCinema
24,80 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,99 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
14,99 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Vecosell
17,24 € + 3,90 € Spedizione
Disponibile in 4 gg lavorativi Disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Juke Box
23,30 €
Disponibile in 4 gg lavorativi Disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
De Santi
17,90 € + 6,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
ModenaCinema
24,80 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
The father. Nulla è come sembra (DVD) di Florian Zeller - DVD
Chiudi

Descrizione

Vincitore di due Premi Oscar, miglior attore Anthony Hopkins, migliore sceneggiatura non originale

«In The Father - Nulla è come sembra, opera prima di Florian Zeller premiata con due oscar (sceneggiatura non originale e attore protagonista), va in scena il ritratto in soggettiva di una malattia che distrugge passo dopo passo l'auto-percezione dell'identità» - Serena Nannelli, il Giornale

«A ottanta e più anni, vicino alla conclusione della vita, Anthony (Anthony Hopkins) confonde il prima con il dopo, il mondo di oggi con quello di ieri. Di questo continuo smarrirsi nel tempo racconta The Father (Gran Bretagna e Francia, 2020), che l' ottimo esordiente quarantunenne Florian Zeller trae da un suo lavoro teatrale» - Roberto Escobar, il Sole 24Ore

«È il vincitore morale degli Oscar 2021» - Maurizio Acerbi, il Giornale

«Bentornato grande cinema» - Francesco Alò, il Messaggero

«La musica di Ludovico Einaudi è divina» - Mymovies.it

Anthony (Anthony Hopkins), brillante ingegnere ormai in pensione, risiede in un quartiere borghese di Londra e vuole continuare a vivere da solo, nonostante i segni sempre più evidenti che la sua testa non sia più quella di un tempo. Si ostina a rifiutare categoricamente ogni badante proposta dalla figlia Anne (Olivia Colman), che sta per trasferirsi a Parigi dall’uomo che ama e non può più pensare di lasciare il padre da solo. Ma è davvero così? Chi è l’estraneo che sostiene di essere il marito di Anne e che afferma di vivere in quella casa da anni? Perché quella coppia lo tormenta? Eppure Anthony è sicuro che quello sia il suo appartamento. Le certezze dell’uomo cominciano a sgretolarsi, sembra che il mondo abbia smesso di seguire le regole di sempre. Smarrito, confuso, senza risposte, Anthony cerca disperatamente di capire che cosa stia succedendo attorno a lui.

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

The Father
Gran Bretagna; Francia
2020
DVD
8031179989966

Informazioni aggiuntive

BIM, 2021
Eagle Pictures
97 min
Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Italiano (DTS 5.1)
Italiano
2,40:1

Valutazioni e recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
franco52
Recensioni: 4/5

La storia alla base del film ci pare quasi scontata, ma nessuna delle informazioni date che, almeno da lontano, sembrano chiare e inappellabili viene in realtà presentata in modo esplicito, anzi. I frammenti narrativi che ci arrivano, vagano, si confondono e si sovrappongono, finendo per generare non una realtà chiara e chiarificatrice ma anzi una serie di realtà diverse, sfumate e contraddittorie dentro le quali il protagonista rimane imprigionato. La capacità superba di Zeller è quella di passare da una scena all’altra attraverso schemi e dialoghi circolari per enfatizzare l’orribile ripetizione di una vita senza continuità (e senza identità). La fluidità delle inquadrature si unisce all’abile montaggio restituendo un immaginario di crescente distacco tra la realtà percepita e la realtà davvero vissuta. La trasformazione improvvisa della location, con l’appartamento di Anthony che muta continuamente nei mobili e nei dettagli è un modo per evidenziare l’alienazione del protagonista e la sua incapacità di riconoscere persino i luoghi più familiari, quelli che contraddistinguono la vita di una persona. Ecco allora che in quella casa ogni porta che si apre è un passaggio mentale mancato, un reset dei ricordi e delle memorie, come un infinito loop di realtà inedite eppure già inconsapevolmente vissute. Ovviamente questa esperienza visiva non sarebbe stata così brutale senza le devastanti interpretazioni di Anthony Hopkins. In particolare il lavoro di Hopkins è sbalorditivo e straziante, capace di coprire un’intera gamma di emozioni e sensazioni: furia, indignazione, euforia, turbamento, alienazione, disperazione. Hopkins raggiunge vette ineguagliabili in quei momenti più silenziosamente sconvolgenti del film, quando per trasmettere l’angoscia e lo spaesamento del proprio io che viene frantumato dalla malattia basta uno sguardo, un lampo degli occhi che sfuggono, che si sottraggono o che vagano senza meta.

Leggi di più Leggi di meno
Vfa
Recensioni: 5/5
Grande interpretazione

Grande interpretazione di Hopkins: Oscar meritatissimo

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Anthony Hopkins

1937, Port Talbot, Galles

Propr. Philip A.H., attore inglese. Formatosi al Cardiff College of Drama, si unisce al National Theatre di L. Olivier dove completa la formazione d'attore teatrale classico. Lavora moltissimo alla televisione e non è restio ad accettare offerte cinematografiche di scarso rischio come trasposizioni teatrali (Amleto, 1969, di T. Richardson, Casa di bambola, 1973, di P. Garland) o colossali produzioni come Charlot (1992) di R. Attenborough. Non rifiuta nemmeno scommesse come The Elephant Man (1980), storia sul dolore e la dignità umana diretta da un D. Lynch non ancora assurto alla gloria degli altari critici. Dopo una lunga e ricca carriera ottiene una vasta popolarità con Il silenzio degli innocenti (1991, Oscar come migliore attore) di J. Demme, in cui interpreta lo psichiatra pluriomicida...

Olivia Colman

1974, Norwich

È un'attrice cinematografica, televisiva e teatrale. È apparsa in diverse produzioni televisive prima di ottenere riconoscimenti internazionali per il film drammatico Tirannosauro. Il successo arriva definitivamente nel 2019 quando vince il premio Oscar come miglior attrice protagonista del film La favorita, nel quale riveste il ruolo di Anna di Gran Bretagna. Per lo stesso ruolo si è aggiudicata anche la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile al Festival di Venezia, un Golden Globe e il premio BEFTA

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore