Febbre da cavallo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Steno
Paese: Italia
Anno: 1976
Supporto: DVD

44° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Commedia - Comico

Salvato in 14 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 9,99 €)

Mandrake, indossatore morto di fame, Er Pomata, disoccupato truffaldino e Felice, guardamacchine abusivo, hanno un vizietto: le corse dei cavalli. Ma puntano sempre su quelli sbagliati! Un giorno Gabriella, fidanzata di Mandrake, gli suggerisce i nomi di tre brocchi da giocare a una corsa tris: Soldatino, King e D'Artagnan. Lui si lascia convincere da Er Pomata a puntare invece su un vincente sicuro, che naturalmente perde... E così Mandrake perde i venti milioni che avrebbe vinto giocando i cavalli indicati da Gabriella...
5
di 5
Totale 6
5
6
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Bookworm

    02/07/2020 22:16:38

    Commedia molto divertente. Un Gigi Proietti talmente giovane che ho faticato a riconoscerlo. La colonna sonora all'inizio fa innervosire, ma poi ci si abitua.

  • User Icon

    salvatore

    17/05/2020 17:22:42

    Film spassosissimo, si ride tantissimo da vedere e rivedere

  • User Icon

    Francesca

    15/12/2019 23:16:52

    Bello!

  • User Icon

    Sandro Gramm. '74

    03/04/2019 06:16:15

    Commedia all'italiana vecchio stampo, di grande qualità, esilarante con un cast di attori di primissimo ordine, Proietti magistrale, ottimi Montesano, Carotenuto e Celi, non dimenticando Catherine Spaak. Anche in casi come questo la critica con la puzza sotto il naso, dato il tono leggero e disimpegnato dell'opera, non esaltò di certo le qualità del film, anzi... A mio avviso invece, nel suo genere, questo è un film di tutto rispetto. Questo tipo di umorismo e la leggerezza dei contenuti non deve mai influire sul giudizio critico preconcetto, piuttosto spesso ha una funzione sociale, cioè quella di distogliere il pensiero dagli orrori del mondo. Ridere come terapia, la leggerezza come togliersi di dosso la negatività dell'esistenza.

  • User Icon

    normaJean

    08/03/2019 01:22:51

    Grandissima opera di Steno che rimarrà per sempre negli annali del cinema italiano. Divertente e frizzante ancora ai giorni nostri, con un cast davvero stellare.

  • User Icon

    ILSanto

    10/11/2016 22:22:32

    Film commedia all'Italiana bellissimo. Grandi interpreti diretti da un grande regista

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Produzione: Eagle Pictures, 2016
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 90 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Enrico Montesano Cover

    "Attore italiano. Si forma nei cabaret romani mostrando un talento comico e doti da imitatore che trasferisce senza difficoltà sul grande schermo dalla fine degli anni ’60 in commedie brillanti come Io non scappo... fuggo (1970) di F. Prosperi, al fianco di A. Noschese. Con registi capaci di arginare l’esuberanza tipica del mattatore teatrale, trova ruoli efficaci nei quali tempera gli slanci comici a favore dello spessore del personaggio, per quanto sempre funzionale a opere di cassetta. Lavora in particolare con P. Festa Campanile e G. Capitani e nel 1976 brilla nella parte di «Er Pomata», l’incallito quanto sfortunatissimo scommettitore, al pari del compare «Mandrake»/G. Proietti, di Febbre da cavallo di Steno, film divenuto un cult popolare. Viene diretto anche da M. Monicelli (Camera... Approfondisci
  • Gigi Proietti Cover

    Appassionato musicista e cantante fin dalla giovinezza, durante l'università si avvicina al teatro sperimentale. Nel 1970 ottiene un enorme successo nel musical Alleluja, brava gente.Da allora, la sua carriera è una serie di successi a teatro (A me gli occhi, please), al cinema (Febbre da cavallo) e in televisione (Il maresciallo Rocca).In tutti i suoi anni di carriera ha onquistato generazioni di spettatori, contaminando la cultura "alta" e quella "bassa" senza pregiudizi.È anche doppiatore, regista e autore di sonetti.Nel 2013 ha pubblicato con Rizzoli la sua autobiografia: Tutto sommato qualcosa mi ricordo. Approfondisci
  • Catherine Spaak Cover

    Attrice francese. Non ancora quindicenne esordisce sul grande schermo in una parte di sfondo nel cupo dramma carcerario Il buco (1960) di J. Becker, che le spalanca le porte del cinema. Nello stesso anno è chiamata da A. Lattuada, amico del padre (lo sceneggiatore Charles S.), per interpretare l’adolescente romantica protagonista dello «scandaloso» I dolci inganni (1960). Seguono pellicole che evidenziano il suo fascino acerbo e provocante grazie a ruoli a lei ben congeniali: è la ragazza sbarazzina che fa perdere la testa a un maturo U. Tognazzi nel satirico La voglia matta (1961) di L. Salce, la sedicenne fidanzata di un industriale attempato nel cinico Il sorpasso (1962) di D. Risi, la spregiudicata protagonista delusa dagli uomini nell’amaro La parmigiana (1963) di A. Pietrangeli, una... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali