Febbre da fieno - Stanislaw Lem,Lorenzo Pompeo - ebook

Febbre da fieno

Stanislaw Lem

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Lorenzo Pompeo
Editore: Voland
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 371,52 KB
Pagine della versione a stampa: 208 p.
  • EAN: 9788862434430
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una serie di morti inspiegabili, un enigma dal gusto intellettuale in cui le regole del gioco sembrano chiare, eppure qualcosa sfugge sempre, le certezze divergono, i dati raccolti si contraddicono e il quadro generale rimane oscuro. L'ultima risorsa è un astronauta in pensione che, coinvolto nelle indagini, viaggerà tra Napoli, Roma e Parigi mettendo più volte a repentaglio la propria vita nel tentativo di risolvere il mistero. Uscito in Polonia nel 1975, arriva anche in Italia "Febbre da fieno". Stanis?aw Lem, autore dalla sconfinata cultura scientifico-umanistica, costruisce un racconto a tratti allucinante che fa tremare la solidità del mondo e, in un certo senso, mette in discussione le leggi che crediamo lo governino.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giampiero Cinque

    14/07/2020 11:00:40

    In uno dei primi studi sul quoziente intellettivo degli studenti Stanislaw Lem fu giudicato il bambino più intelligente della Polonia meridionale. Probabilmente la sua intelligenza, da sempre accogliente verso stimoli diversi, aveva già raggiunto un grado notevole di affilatura. Lem era nato inguaribilmente curioso e proseguì sulla stessa via. Studiò matematica, scienze naturali e discipline umanistiche, e quando si diede all'attività letteraria diede prova del suo genio nella poesia, nella narrativa mainstream, nel poliziesco e, naturalmente, nella fantascienza, alla quale regalò uno dei capolavori del genere, "Solaris", con il suo oceano pensante e la sua asciutta malinconia. Qui ci si ferma, perché ci vorrebbe una voce enciclopedica per dare conto della varietà dei suoi interessi e delle sue originali posizioni filosofiche. Va almeno rilevato, però, che gli interrogativi sollevati dalla sua variegata cultura non si tradussero mai in un tedioso atteggiamento didattico nei suoi libri di narrativa, sempre densi ma scorrevoli, intelligenti ma spesso divertenti, a volte apparentemente fatui ("Vuoto assoluto") e invece acutissimi. Così anche in questa "Febbre da fieno", un poliziesco fantascientifico del 1975 ambientato tra Napoli, Roma e Parigi, nel quale un disincantato astronauta in pensione indaga su una serie di morti inspiegabili. Sullo sfondo, l'Europa è un mondo caotico e allucinato dove la metà che soffre è compatita davanti alla tv da quella che non soffre. La soluzione arriverà, come in ogni "giallo" che si rispetti, anche se Lem non rispetta il "giallo", se non come contenitore dove l'enigma è un pretesto per la messa in scena di una visione antropologica e filosofica. Jerzy Jarzebski, docente universitario di letteratura polacca, scrive che Lem sviluppa nuove idee sfruttando convenzioni e motivi esistenti e costruisce modelli per rappresentare problemi e idee. E tutto questo sa farlo con leggerezza. Cosa si può volere di più da uno scrittore?

  • Stanislaw Lem Cover

    Ha esordito dopo la guerra con versi e racconti brevi (L’uomo di Marte, 1946). Nel 1951 è uscito il suo primo romanzo di fantascienza, Il pianeta morto, cui ha fatto seguito un romanzo autobiografico sul periodo dell’occupazione nazista, Il tempo non perduto (1955). Ma L. ha poi virato decisamente verso la fantascienza, esplorando il genere in profondità e conferendo ad esso una nuova identità attraverso una lunga serie di romanzi e di racconti: La nuvola Magellano (1955), Memorie di un viaggiatore spaziale (1957), Ritorno dall’universo (1961), Solaris (1961, da cui A.Tarkovskij avrebbe poi tratto l’omonimo e film), L’Invincibile (1964), Cyberiade (1965), Insonnia (1971), Raffreddore (1975), Golem XIV... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali