Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Oscar Mondadori -20%
Salvato in 94 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Le fedeltà invisibili
16,15 € 17,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+160 punti Effe
-5% 17,00 € 16,15 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
17,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libraccio
9,18 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
17,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
9,18 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Le fedeltà invisibili - Delphine de Vigan - copertina
Chiudi

Descrizione


Le fedeltà invisibili è un romanzo di una tensione e di una forza devastanti, che incalza e lascia con il fiato in gola come un thriller ma tocca le corde profonde e segrete che legano genitori e figli, insegnanti e studenti, adulti e adolescenti.

«Le fedeltà invisibili è un'immersione appassionata nelle relazioni complesse tra adolescenti, genitori e insegnanti.» - Bernard Pivot, Le Journal du Dimanche

Cosa succede se le fragilità dei genitori ricadono sulla vita dei figli? Come può un bambino non restare fedele all'amore per la madre e il padre, malgrado ogni errore, malgrado ogni mancanza? Le fedeltà invisibili sono quelle che legano insieme quattro destini: Théo, figlio di una coppia divorziata; il suo amico Mathis che lo introduce a un gioco pericoloso; Hélène, l'insegnante la cui infanzia difficile le permette di vedere le ferite nelle vite dei suoi studenti. E Cécile, la madre di Mathis, con il suo equilibrio famigliare esibito e ambiguo. Delphine de Vigan ha scritto un romanzo teso, lacerante e luminoso come la vita quando incontra la poesia. Cosa succede se le fragilità dei genitori ricadono sulla vita dei figli? Come può un bambino non restare fedele all'amore per la madre e il padre, malgrado ogni errore, malgrado ogni mancanza? E quando una situazione famigliare complicata rischia di esplodere e diventare un dramma? Théo ha dodici anni e i suoi genitori sono separati. Nella madre brucia un rancore cieco per l'ex marito e non fa che denigrarlo di fronte al figlio. Il padre è un uomo distrutto; lasciato dalla nuova compagna ha perso il lavoro, si è lasciato andare e vive in uno stato di abbandono. Mathis è l'unico amico di Théo. Insieme iniziano a bere di nascosto superalcolici durante le ore di scuola. Cécile è la madre di Mathis, è preoccupata dell'amicizia di suo figlio con quel bambino pieno di problemi - ma ancora di piú è sconvolta dallo scoprire che suo marito di notte, su internet, dà sfogo ai suoi demoni di rancore e di rabbia. Hélène è l'insegnante di scienze di Théo e Mathis, il suo passato è segnato in modo indelebile dalle violenze paterne, che l'hanno portata a non poter avere figli. È lei la prima ad accorgersi dei problemi di Théo e a cercare di avvisare la scuola e la famiglia, ma nessuno la prende sul serio: agli occhi di tutti sembra solo che abbia maturato una malsana ossessione per quei due ragazzini. Le fedeltà invisibili è un romanzo di una tensione e di una forza devastanti, che incalza e lascia con il fiato in gola come un thriller ma tocca le corde profonde e segrete che legano genitori e figli, insegnanti e studenti, adulti e adolescenti.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2018
8 maggio 2018
144 p., Rilegato
9788806238520

Valutazioni e recensioni

4,86/5
Recensioni: 5/5
(7)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(6)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Egome
Recensioni: 5/5

Theo è lo sfortunato adolescente attorno al quale ruota tutta la storia , tragica e commovente. Rabbia, sgomento, pena sono le emozioni che assalgono il lettore di questa incredibile (ma purtroppo possibile) storia. Alla base degli eventi raccontati ci sono famiglie smembrate per separazione dei genitori (padre e madre di Theo) o dissolte per incomprensioni, sotterfugi e doppia identità di uno di questi (il padre di Mathis, l’ unico amico di Theo). Una insegnate, Helene, sensibile e attenta ai problemi dei propri alunni, in particolare di Theo, anche lei provata da una infanzia costellata di ripetute violenze paterne e pertanto fragile e non sufficientemente ‘scafata’ da adulta ad affrontare situazioni così drammatiche. E poi la dipendenza da alcool, piaga nefasta che colpisce molti adolescenti, sempre più precocemente, andandosi facilmente ad insinuare in contesti individuali e familiari spesso già profondamente deteriorati. Attuale, spietato, con un realismo descrittivo coinvolgente e palpabile. Finale prevedibile, ma lasciato in definitiva allo stato d’animo e alla interpretazione del lettore.

Leggi di più Leggi di meno
Pazzag
Recensioni: 5/5

Parlare del libro "Le fedeltà invisibili" di Delphine De Vigan non è facile. La lettura di questo romanzo genera inquietudine e pena. La penna dell' autrice è affilata come un bisturi, che scava con azione chirurgica nelle complesse dinamiche familiari e umane. In un mondo dominato da solitudine e infelicità, un'insegnante, Helene, "fiuta" il disagio esistenziale di un alunno, Theo. Ha uno speciale sesto senso che le deriva dall'esperienza personale. Dolorosa. Attorno a questi due personaggi, altre figure svelano storie complesse e sofferte. Helene infrange il muro dell'indifferenza. Theo ha bisogno di qualcuno che si occupi davvero di lui. Ma il rifugio che ha trovato per sfuggire alla realtà rischia di travolgerlo...

Leggi di più Leggi di meno
Nicoletta
Recensioni: 5/5

Bello,angosciante,sulle colpe degli adulti che ricadono sui figli,sull'incapacità della scuola di aiutare i ragazzi,sull'adolescenza,spesso eta' senza speranza.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,86/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(6)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

La lealtà di De Vigan, i fili che ci legano agli altri

Che cosa spinge un ragazzino a giurare lealtà ai propri genitori anche se questi stanno distruggendo la sua vita? Che cosa spinge un amico a restare fedele al segreto inconfessato di un dramma familiare e a diventare complice di giornate trascorse a base di alcool? Che cosa spinge un’insegnante a restare fedele al suo passato costellato di violenza e ad un suo alunno di cui percepisce il dolore forse simile al suo? Di queste e di altre lealtà tratta l’ultimo libro di Delphine De Vigan, Le fedeltà invisibili (144 pagine, 17 euro), pubblicato in Italia da Einaudi, il cui titolo in lingua originale è Les loyautés.

È la stessa De Vigan a inquadrare il romanzo nella cornice delle lealtà, di questi «fili che ci legano agli altri», che sono «ali», ma che possono anche essere «catene», spinte verso l’alto e prigioni di sogni, che legano alle persone, alle situazioni a volte al di là del comprensibile e del razionale. È il caso di Mathis, che per rimanere fedele ai quei patti taciti che si stabiliscono fra ragazzi non confesserà né alla madre Cécile, né alla professoressa Hélène, che beve alcol insieme a Théo alla scuola media durante la pausa fra un’ora e l’altra, che salta ore di lezione, che inganna la madre sulle uscite. Théo e Mathis sono inseparabili, quasi fusi l’uno con l’altro, tanto da sembrare gemelli: «stessa faccia angelica, stesso colore di capelli, stessa carnagione chiara», stesso desiderio – per la verità più di Théo che non di Mathis – di sporgersi con i piedi penzoloni sul baratro della morte. Fino a quando il dramma non si consumerà e a quel punto il patto dovrà essere spezzato.

I due ragazzi sono due delle quattro voci in cui è condotto il romanzo a cui fanno da controcanto quelle di due donne, che narrano le loro vicende, diversamente da Théo e Mathis, alla prima persona. Hélène e Cécile interpretano quanto accade ai due ragazzi partendo dal loro vissuto, dalle loro rispettive infanzie. Cécile, figlia di un alcolizzato, di umili origini, che ha sposato un uomo colto che l’ha istruita ed educata secondo i dettami della borghesia e del bien vivre, fa ricadere su di sé e sulla tara che la marchia il fatto che il figlio Mathis abbia cominciato a bere.

Hélène, dal canto suo, comprende che nei movimenti incerti di Théo, nel suo sguardo spento, nella sua volontà di farsi quasi invisibile, si annidano le stesse violenze fisiche che lei, insegnante di scienze in una scuola media di Parigi, ha subito dal padre fino alla morte di questi. Ed è per tale ragione che, come una fiera è pronta a tutto pur di proteggere il ragazzo, nel quale rivede se stessa, e proteggere, forse, anche se stessa dalla cloaca dei ricordi che quel sospetto genera in lei. Si sbaglierà Hélène, ma solo perché le violenze subite da Théo non lasciano traccia sulla pelle. I segni sono purtroppo più profondi e non meno indelebili, conficcati nell’anima sanguinante di un ragazzino sbranato dalle incomprensioni e dalle fragilità che i suoi genitori divorziati nutrono l’uno verso l’altra. Théo è, in questo senso, una merce di scambio e il suo silenzio è il prezzo che il ragazzo stesso dà al suo bisogno di preservare i genitori dai colpi che si infliggono reciprocamente. Non parla, Théo. E vorrebbe annullare il dolore sordo e perpetuo che prova per l’assenza di affetto e di attenzioni sane da cui è circondato. L’alcol, allora, si rivela l’unico mezzo che possa anestetizzare quel dolore, che lo possa far arrivare al punto in cui «far tacere finalmente quel rumore acuto che sente solo lui». Il coma etilico sembra per il piccolo Théo l’unica via di fuga dalla sua esistenza così asfissiante e paralizzata in cui il rancore è diventato un muro troppo alto, più grande dell’amore per un figlio che elemosina abbracci, carezze, sguardi benevoli.

Le fedeltà invisibili Delphine De Vigan è un romanzo che sembra essere stato scritto di slancio: è nervoso, scarno, teso. Il ritmo è incalzante, dato dalle frasi nette, pulite, tutte concentrate sulla diegesi, dalla brevità dei trentacinque capitoli, ma soprattutto dal modo in cui i personaggi sono descritti. Essi sono tutti sul punto in cui devono fare i conti con le loro “fedeltà”. La scelta del tempo verbale del presente rafforza un romanzo che è tutto in divenire, che conduce il lettore verso il climax che porterà all’epilogo aperto, spiegato come la coperta di sopravvivenza lanciata ad Hélène dall’autista dell’ambulanza.

Delphine De Vigan ha costruito un romanzo il cui merito è di aver raccontato con uno stile asciutto i legami profondi fra genitori e figli, fra adulti e ragazzi, legami che, a seconda del ruolo che ognuno sceglie o è costretto a giocare, diventano porti sicuri o lacci vischiosi.

Recensione di Maria Grazia La Malfa

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Delphine de Vigan

1966, Boulogne-Billancourt

Ha esordito come scrittrice in Francia nel 2001. Con Mondadori ha pubblicato i romanzi Gli effetti secondari dei sogni (Prix des Libraires al Salon du Livre, 2008) Le ore sotterranee (2010), Niente si oppone alla notte (2013), Giorni senza fame (2014), Da una storia vera (Premio Renaudot e Premio Goncourt dei licei, 2016). Per Einaudi è uscito nel 2018 Le fedeltà invisibili.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore