Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Fiabe teatrali: L'amore delle tre melarance-Turandot-La donna serpente - Carlo Gozzi - copertina

Fiabe teatrali: L'amore delle tre melarance-Turandot-La donna serpente

Carlo Gozzi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: S. Giovannuzzi
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 1 gennaio 2009
Pagine: 262 p.
  • EAN: 9788842522867
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 14,25

€ 15,00
(-5%)

Venduto e spedito da OCCASIONI SICURE

Solo una copia disponibile

+ 4,20 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In guerra da anni contro Chiari e Goldoni, nel 1761, Carlo Gozzi scende in campo direttamente, come autore di teatro, riproponendo sui palcoscenici le maschere della commedia dell'arte e la recitazione all'improvviso. Con le "Fiabe teatrali" accetta la sfida di mettere alla prova del pubblico la sua concezione teatrale: egli opponeva infatti al realismo della rappresentazione della società borghese veneziana di Goldoni un teatro di fantasia e di immaginazione. Il successo è grande e sbaraglia gli avversari. Rispetto alla novità goldoniana, nelle Fiabe sembrerebbe prevalere un'ipotesi drammaturgica anacronistica, imbastita a difesa di una commedia dell'arte giunta ormai al suo epilogo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Carlo Gozzi Cover

    (Venezia 1720-1806) scrittore italiano. Nato da famiglia nobile ma in gravi difficoltà economiche, si rifiutò sempre, per aristocratico orgoglio, di ricavar guadagni dalla sua attività di letterato. Nel 1747 fu, insieme col fratello Gasparo, tra i fondatori della veneziana Accademia dei Granelleschi, una delle istituzioni più conservatrici del Settecento. In polemica con C. Goldoni e con P. Chiari, colpevoli a suo giudizio d’aver messo in scena argomenti troppo realistici e plebei, pubblicò alcuni scritti satirici (come La tartana degli influssi per l’anno 1756, 1757) e, tra il 1761 e il 1765, fece rappresentare con successo dalla compagnia del «Truffaldino» Antonio Sacchi dieci Fiabe teatrali, che riprendevano schemi e maschere della commedia dell’arte: in esse gli argomenti fiabeschi (tratti... Approfondisci
Note legali