Traduttore: A. Guarnieri
Editore: Fanucci
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 28 febbraio 2018
Pagine: 608 p., Brossura
  • EAN: 9788834734605
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Un'avventura interstellare per la sopravvivenza. Due civiltà in rotta di collisione per decretare il destino del nuovo pianeta.

«Un romanzo eccellente che affronta con brio grandi e importanti temi»Financial Times

«Il più evoluto e intelligente mondo post-distopico che abbia mai letto!»Peter H. Hamilton

«Uno scrittore che sa come intrattenere. Una lettura fondamentale per gli amanti della science fiction»SF Book Reviews

Anche gli ultimi umani sopravvissuti alla rovina della Terra stanno ormai fuggendo nel disperato tentativo di trovare una nuova casa tra le stelle. Seguendo le orme indicate molto tempo prima dai loro antenati, riescono a scoprire un pianeta apparentemente perfetto per ospitare vita umana. Ma la realtà sulla nuova Terra non si rivelerà così tranquilla e pacifica come avevano sperato... Nei lunghi anni trascorsi dal giorno del loro arrivo, il faticoso lavoro dei predecessori ha dato vita a frutti disastrosi e controproducenti, e il pianeta adesso è tutt'altro che incontaminato e ospitale. In più, l'incontro con una nuova specie aliena non farà altro che complicare i progetti iniziali degli umani... Lo scontro tra le due civiltà, in lotta per raggiungere lo stesso obiettivo, appare ormai imminente e inevitabile. E mentre il destino dell'intera umanità resta appeso a un filo sempre più sottile, una domanda risuona più minacciosa che mai: chi saranno gli eredi della nuova Terra?

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Casa dolce Casa?

    20/09/2018 12:07:13

    Da una Terra ormai morta parte la navearca Gilgamesh che trasporta il futuro della razza umana; Umani che da colonizzatori dello spazio si trovano ora sull’orlo dell’estinzione. Destinazione un pianeta perfetto per la vita umana che è stato rimasto abbandonato per 2000 anni dopo un tentativo di terraformazione finito male. Ma terribili creature “aliene” si nascondono nelle foreste incontaminate di quel mondo La guerra, tra gli ultimi disperati umani e gli autoctoni, per la sopravvivenza ha così inizio… chi potrà chiamare quel pianeta “Casa”? la lettura non risulta sempre fluida e veloce ma il libro merita di essere letto in quanto presenta tematiche molto attuali che possono aprire a interessanti riflessioni. Consigliato soprattutto agli amanti della fantascienza (poco fantastica)!

  • User Icon

    marcostraz

    17/05/2018 19:40:12

    Gran bel libro, che riesce a fondere con ottimi risultati azione e "riflessioni"...molto bella e molto ben bilanciato il parallelismo tra evoluzione e sviluppo da una parte e decadenza e deriva dall'altra...sicuramente una delle cose migliori che abbia letto negli ultimi tempi...evidente il richiamo a tanta fantascienza passata (da Alien ad Heinlein al più recente The Expanse) ma l'autore è molto bravo a non far pesare la cosa ed anzi a farne un punto di forza...

  • User Icon

    Mauro

    08/05/2018 15:07:57

    Un libro che ti trascina dall'inizio alla fine nell'attesa di un epilogo non scontato. Una razza umana decadente che si confronta con una nuova specie senziente, una specie diversa con cui non esiste e non può esistere uno scambio culturale e scientifico. Una razza aliena che contende un mondo paradisiaco agli ultimi esseri umani viventi ormai in declino. Affascina il modo come lo scrittore affronta i problemi, immedesimandosi in una specie caratterizzata da una conoscenza comunitaria di razza e tramandata da generazioni geneticamente. Il tutto contrapposto ad una individualità spinta all'eccesso caratterstica della razza umana. E' secondo me tra i più appassionati romanzi che ho letto negli ultimi trenta anni e che regge il confronto con scrittori come Asimov, Lenlein ed altri dei miei tempi.

Scrivi una recensione