€ 3,88

€ 7,75

Risparmi € 3,87 (50%)

Venduto e spedito da IBS

4 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

I treni e le stazioni sono stati semmai gli sfondi di vicende romanzesche e letterarie (e da tempo anzi tendono addirittura a sparire dalla nostra immaginazione, come il nerofumo o il rumore della rotaia è sparito dal nostro viaggiare). Ma in Figli di ferroviere il rapporto è invertito. Come in una piccola epopea di un popolo scomparso, i tre bambini e le altre tribù di ferrovieri («A noi figli di ferroviere piaceva cambiare città, casa; allontanarci dai luoghi in cui stavamo e che non sentivamo mai nostri. Come se vivessimo sui treni, alla pari dei nomadi») intrecciano a tal punto le loro storie dal «secolo breve » col mondo ferroviario che sembrano queste lo sfondo, su cui, sommessamente, nostalgicamente, i treni e le stazioni chiedono di acquistare vita.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Pino Chisari

    24/02/2015 13:19:42

    Noioso. Proprio come le sue lezioni del corso di sceneggiatura degli anni '80. Difficile conciliare questo testo (ed il relatore del corso di allora) con lo sceneggiatore di film assai belli e interessanti. La narrazione è piuttosto piatta e monotona, le descrizioni approssimative, il ritmo narrativo assente. Giusto nel finale, con gli episodi relativi alla guerra, si trova una qualche vivacità. Ma decisamente troppo poco.

Scrivi una recensione