La figlia del capitano - Aleksandr Puskin - copertina

La figlia del capitano

Aleksandr Puskin

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: S. Polledro
Editore: Fabbri
Collana: I delfini
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 5 luglio 2006
Pagine: 232 p., Brossura
  • EAN: 9788845118852
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Nella lista dei desideri di 2 persone

€ 4,32

€ 8,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il giovane Grinjov, mandato al fronte dal padre, raggiunge la fortezza di Belogorsk, dove si innamora di Masa, la figlia del capitano. Ma i ribelli conquistano la fortezza... Un' avventura russa tra nevi profonde, duelli e grandi amori. Età di lettura: da 10 anni.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    OskarSchell

    02/07/2009 11:18:49

    Che bel romanzo d'avventura! Consigliato anche agli adulti...

  • Aleksandr Puskin Cover

    Aleksandr Sergeevic Puškin, considerato uno dei massimi poeti della Russia del XIX secolo e il padre della moderna letteratura russa, fu autore di liriche, poemi, favole, romanzi, racconti, drammi e saggi. Nato a Mosca nel 1799 da una povera famiglia aristocratica, cominciò molto presto a comporre versi. Fu allevato da balie e precettori, frequentò poi il liceo di Carskoe Selo ed ebbe successo fin dal primo poema, Ruslan e Ljudmila, pubblicato nel 1820. Impiegato al ministero degli Esteri, fece parte di un gruppo di radicali, molti dei quali saranno coinvolti nella rivolta decabrista del 1825. Nel 1820 fu cacciato dalla capitale e confinato a Ekaterinoslav, a causa di alcuni suoi componimenti poetici politici. Fu poi trasferito a Kišinëv in Moldavia, dove scrisse... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali