La figlia più bella - Hans Tuzzi - ebook

La figlia più bella

Hans Tuzzi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 905,88 KB
  • EAN: 9788833974125
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Uno dei migliori scrittori, non solo giallisti, italiani.»
Il Fatto Quotidiano - Fabrizio d’Esposito

«I libri di Tuzzi aprono la mente e hanno sempre quel pizzico di carattere che li fa tutti pezzi unici.»
Pietro Cheli

«Libri che non è esagerato definire memorabili.»
«Io Donna – Corriere della Sera» - Fabrizio Roncone

Giugno 1986. Mentre tutta l’Italia segue i mondiali di calcio, una ragazza viene trovata affogata in una roggia nelle campagne di Abbiategrasso: non è un incidente, ma l’assassino non ha abusato sessualmente della vittima.
L’indagine, partita male, viene affidata a Melis. Che sa bene come, in questi casi, i primi sospetti si devono concentrare sulla cerchia dei famigliari. I quali, però, nella loro cascina isolata fra i campi, non soltanto forniscono solidi alibi l’uno con l’altro, ma sembrano sinceramente provati dal dolore.
L’attenzione del commissario si sposta perciò sulla ricca cittadina, dove tutti, o quasi, conducono una vita apparentemente esemplare ma dove in realtà ciascuno ha i propri più o meno inconfessabili segreti, in uno spaccato di vita di provincia della quale Tuzzi raffigura vizi privati e pubbliche virtù. Non mancano poi le lettere anonime, a schizzar fango e sospetti ora su questo ora su quello, arrivando persino a gettare ombre sul passato della povera ragazza morta alla quale, forse, qualcuno aveva promesso una carriera da attrice cinematografica.
Coadiuvato da personale di polizia a lui sconosciuto, Melis non sottovaluta nessuna traccia, eppure qualcosa gli dice che le origini del delitto vanno cercate altrove. Ma dove? Lentamente, si delinea una possibile pista. 
Una brutta, sporca pista. Sulla quale Melis lancia i suoi abituali collaboratori, gli agenti della sua Squadra: e D’Aiuto, Ferrini e Giovannini si dimostrano all’altezza delle aspettative, anche se la soluzione del caso si presenterà improvvisa e amara – una crudele smentita a ogni raziocinio investigativo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,33
di 5
Totale 3
5
0
4
1
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    luigisa

    28/08/2015 13:55:56

    La storia è forse gracile, ma gli spunti ironico-eruditi numerosi e davvero gustosissimi. Lettura molto piacevole

  • User Icon

    frame

    27/07/2015 12:24:31

    L'autore non dimentica mai dare di sfoggio della sua grande cultura, anzi, sembra troppo impegnato e attento al contesto sociale, per dedicarsi alla trama di questo romanzo che di giallo ha soltanto il sole di Luglio. La lettura è resa difficoltosa dai frequenti e improvvisi cambi d'argomento e dalle eccessive divagazioni linguistiche (o arricchita dipende dai gusti). Anche Melis, impantanato nella grassa padana, sembra un questurino con la puzza sotto il naso. Pare dica ghe pensi mi e poi tutto si risolve per caso. Didascalico e saccente fin che si vuole, ma se si vuol leggere qualcosa di buon livello, se piace l'italiano colto e non si temono le citazioni dotte, allora Tuzzi è quello giusto.

  • User Icon

    Costantino

    23/07/2015 16:36:43

    Una premessa un giallo dev'èssser giallo non un trattato di latino ne assurgere a didascachi intendimenti. il libbro è scritto bene ma il colpevole lo si intuisce quasi subito io dopo poco meno di un quarto del libbro. Si pavoneggia l'autore in parolone latine.io sono dell'idea che il giallo deve esser tale e basta . buono x sotto l'ombrellone lettura rapida

  • Hans Tuzzi Cover

    Hans Tuzzi, pseudonimo di Adriano Bon, è l’apprezzato autore – oltre che di saggi sulla storia del libro e sul suo mercato antiquario – dei celebri gialli ambientati a Milano che hanno come protagonista il commissario Melis: Il Maestro della Testa sfondata (2002), Perché Yellow non correrà (2003), Tre delitti un’estate (2005), La morte segue i magi (2009), L’ora incerta fra il cane e il lupo (2010), Un posto sbagliato per morire (2011), La notte, di là dai vetri (2019) sono pubblicati da Bollati Boringhieri. Con Vanagloria (2012) Tuzzi ci regala una nuova, sorprendente prova narrativa fuori dal genere giallo e con Morte di un magnate americano (2013) arriva finalista al Premio Commisso. Altri suoi libri pubblicati... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali