Le figlie e le loro madri. Un medico racconta le rivalità, le sopraffazioni, la violenza di un rapporto conflittuale

Aldo Naouri

Traduttore: C. Bongiovanni
Editore: Einaudi
Collana: Grandi tascabili
Anno edizione: 1999
Formato: Tascabile
In commercio dal: 27 aprile 1999
Pagine: 308 p.
  • EAN: 9788806151089
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

L'autore, specialista in relazioni familiari, ha al suo attivo un'esperienza che ha riversato in questo libro con il proposito di illuminare la complessità delle relazioni che legano le madri alle figlie. Al centro del quadro, le rivalità, le sopraffazioni, le ambiguità di un rapporto all'apparenza privilegiato, che nasconde spesso conflitti anche drammatici, specie quando le vecchie famiglie si disfano e nascono nuovi rapporti di coppia.

€ 12,29

€ 14,46

Risparmi € 2,17 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 


scheda di Morelli, R. L'Indice del 1999, n. 12

Una madre rifiuta di sottomettersi al destino di morte al quale il figlio è condannato per una grave malattia, e l'intensità del legame che unisce queste due persone smonta, inaspettatamente, la prognosi infausta. A partire da questo evento eccezionale, Aldo Naouri, pediatra e psicoanalista, indaga l'universo relazionale che lega le madri ai figli, quando questi sono gravemente malati. Egli assiste, turbato e affascinato, all'intensità dell'incontro fra i due come forza promotrice di vita, in grado di oscurare la verità parziale della malattia somatica. Il medico concede alle proprie angosce di attraversarlo, senza preoccuparsi di mantenere un distacco difensivo dalle vicende cliniche dei suoi piccoli pazienti. Questo gli consente di ricostruire la sua storia personale e professionale, riflettendo sull'importanza che i genitori hanno sul futuro dei loro figli. Il sentimento di impotenza che deriva, però, dall'impossibilità di trovare risposte adeguate al confronto con la morte, può essere così affrontato attraverso lo stupore che suscita la forza della vita. Lo sguardo dell'autore, infatti, sfiora ripetutamente l'essenza emotiva del primo e più importante legame di attaccamento tra gli esseri umani, senza mai divenire intrusivo, con acutezza, curiosità e rispetto per qualcosa che può riguardarlo soltanto in parte. Naouri si lascia travolgere dalle esperienze fino a chiamare col suo vero nome la paura della morte e l'angoscia per la precarietà dell'esistenza, tanto più incomprensibile, inaccettabile e dolorosa quando a essere colpiti sono i bambini.

Raffaella Morelli