-15%
Un filosofo al cinema - Umberto Curi - copertina

Un filosofo al cinema

Umberto Curi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Bompiani
Collana: Tascabili. Saggi
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
In commercio dal: 8 febbraio 2006
Pagine: 200 p., Brossura
  • EAN: 9788845256042
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Nella lista dei desideri di 3 persone

€ 6,38

€ 7,50
(-15%)

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Un filosofo al cinema

Umberto Curi

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Un filosofo al cinema

Umberto Curi

€ 7,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Un filosofo al cinema

Umberto Curi

€ 7,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Curi intende dimostrare come il cinema riesca nella straordinaria impresa di rendere visibile l'intellegibile, di tradurre cioè il pensiero in immagini. Il cinema, o meglio i film sono testi ricchi di significato, di motivi filosofici e sono l'oggetto proprio del libro. Non, quindi, una aporetica teoria del cinema, o un'ennesima teoria estetica su ciò che è bello e ciò che è brutto. Vengono analizzati una ventina di film comparsi nell'ultimo triennio per saggiare in quali forme e con quali esiti la produzione cinematografica corrisponda ai grandi interrogativi di oggi. Il volume è organizzato per temi: la figura dello straniero; il rapporto amore-morte; l'ambivalenza della violenza; l'enigma del tempo.

è un fatto evidente che da qualche anno si moltiplicano le pubblicazioni aventi per argomento i rapporti tra cinema e filosofia. Il fenomeno non ha alla sua origine un'improvvisa e tardiva scoperta del cinema da parte dei filosofi i quali soltanto ora avrebbero preso a valutare sub specie philosophica i film visti al cinema inizialmente magari soltanto per distrarsi. Al contrario i filosofi hanno dimostrato da sempre un interesse per nulla superficiale nei confronti del cinema basti pensare a Galvano della Volpe che era un assiduo frequentatore delle sale cinematografiche (e al quale il particolare di aver elaborato alcuni criteri di estetica filmica ancora oggi fondamentali non riduceva per nulla quel piacere di vedere i film da cui è mosso ogni comune spettatore).

Il fenomeno in realtà va ricondotto a una strategia editoriale che cavalca le analisi cosiddette “interdisciplinari” alla scoperta di sempre nuovi intrecci fra materie all'apparenza lontane tra di loro. è proprio in questa prospettiva che la voce “cinema e filosofia” rivela il suo carattere di mera tautologia linguistica. Infatti se appare lecito parlare ad esempio di “cinema e letteratura” in vista di un'analisi storica o critica tra due linguaggi artistici dal diverso statuto semantico appare invece non pertinente il titolo “cinema e filosofia”. Più esatto sarebbe usare la locuzione “cinema-filosofia” (o tanto per dire “filmsofia”) e questo per sottolineare la sostanziale identità esistente tra i due ambiti dal momento che il cinema esprime pur sempre un pensiero quale che esso sia.

Il merito principale di quest'ultimo saggio uscito sull'argomento consiste nell'aver chiarito i termini del rapporto tra cinema e filosofia e nell'aver preferito la chiave della “conversazione” a quella della schedatura notarile o faticosamente didattica da altri utilizzata (con a fianco di ogni titolo di film il nome del filosofo che lo avrebbe ispirato tipo L'attimo fuggente ed Epicuro e altre simili amenità). Quello che fa Curi è invece un percorso opposto caratterizzato dal “lavorare” i film da lui visti avendo sullo sfondo principi o teorie che si ritrovano nelle pagine dei filosofi vecchi e nuovi. Come quando ad esempio legge Il fiore del male di Chabrol alla luce della distinzione presente nella filosofia greca tra il tempo inteso come chrònos e il tempo inteso come aiòn il primo quello che indica successione il secondo quello immobile e in tal modo ci fa gustare anche meglio il film a prescindere dalle eventuali intenzioni “filosofiche” del suo autore. Oppure come quando ricorre a un frammento di Eraclito e una frase di Nietzsche per commentare il senso di L'uomo del treno di Leconte che concerne il come sia possibile “vivendo la vita di un altro diventare ciò che si è”.

Così la filosofia aiuta a capire i film ma anche i film aiutano a capire la filosofia. E questo perché come ricorda l'autore nella postfazione la cultura è sempre unitaria e vive di una dinamica circolare che vede coesistere manifestazioni diverse (alte o basse che siano) tutte convergenti a tentare di rispondere agli eterni perché dell'esistenza. Su questo piano Mystic river può farci meglio comprendere Bernardo di Chiaravalle e viceversa e Un film parlato la distinzione platonica tra mythos e logos e viceversa. Meglio ancora se a farci cogliere i richiami spesso involontari c'è un suggeritore affabile e non supponente come il filosofo che ama il cinema Curi.


Angelo Moscariello

  • Umberto Curi Cover

    Filosofo italiano, è professore emerito di Storia della filosofia presso l'Università degli Studi di Padova e docente presso la facoltà di Filosofia dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Ha tenuto cicli di lezioni e conferenze in università europee e americane.Ha diretto per oltre vent’anni la Fondazione culturale “Istituto Gramsci Veneto” ed è stato anche per un decennio membro del Consiglio Direttivo della Biennale di Venezia. Ha vinto l'edizione 2010 del Praemium Classicum Clavarense.Fra le sue numerose opere della fase più matura ricordiamo: Endiadi. Figure della duplicità (Feltrinelli, 1995), Polemos. Filosofia come guerra (Bollati Boringhieri, 2000), La forza dello sguardo (Bollati... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali