La finanziaria siamo noi. Dove finiscono i soldi dei cittadini. Il potere delle lobby, i conti dello Stato - Stefano Lepri - copertina

La finanziaria siamo noi. Dove finiscono i soldi dei cittadini. Il potere delle lobby, i conti dello Stato

Stefano Lepri

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Chiarelettere
Collana: Principioattivo
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 4 dicembre 2008
Pagine: 211 p., Brossura
  • EAN: 9788861900431
Salvato in 17 liste dei desideri

€ 20,20

€ 21,20
(-5%)

Venduto e spedito da Multiservices

Solo una copia disponibile

spedizione gratuita

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 13,60 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Che fine fanno i soldi che pagano i cittadini? Spesso è impossibile saperlo, gli stessi tecnici addetti alla contabilità dello Stato non lo sanno. Manca uno strumento che consenta di vedere che fine fanno le somme erogate per un investimento particolare. Per vedere a che punto è un'opera pubblica è meglio recarsi sul posto. Intanto però i soldi escono. E molti. A batter cassa dopo le elezioni sono sempre gli stessi. Questo libro racconta dall'interno come funziona la Legge finanziaria: un documento che rappresenta il vero specchio del paese, in cui, a leggerlo bene, si distinguono in trasparenza tutte le lobby che contano, le clientele e i gruppi d'interesse, grandi e piccoli. Dagli autotrasportatori (100 milioni di euro nella Finanziaria 2009) ai gestori di sale da gioco, dai forestali (160 milioni di euro è il loro costo nella sola Calabria) ai commercianti (Tremonti ha cancellato l'obbligo di comunicare l'elenco di clienti e fornitori, decisivo per fronteggiare l'evasione fiscale) ai tassisti, notai e farmacisti. Intanto le spese risultano sempre più irrazionali (e incontrollate). La vera zavorra del Paese. Il 10 per cento delle tasse è rivolto alla sanità, gestita dalle Regioni, ma l'Asl di Napoli paga le siringhe il 60 per cento in più dell'AsI di Salerno. Perché? E perché il servizio pasto di un agente di polizia costa all'amministrazione 6,3 euro e quello di un carabiniere 3,9?
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    ANDREA

    28/02/2014 16:00:46

    Bellissimo da leggere con una scatola di tranquillanti ma da leggere!!

  • User Icon

    Angelo Giannattasio

    09/02/2013 17:54:45

    Quello di Lepri è un libro al quale, personalmente, riconosco l'indubbio merito di provare a descrivere, e a dare delle risposte, in maniera "pratica", alle grandi complicazioni di un Sistema politico (che credo sia) unico al mondo nella sua specificità, il sistema-Italia. Si tratta di un libro che prova a chiarire i molti interrogativi che il cittadino medio, sempre più indignato, si pone nel suo vivere quotidiano: dove finiscono i soldi delle tasse? Cosa (e chi) c'è "dietro" le quinte del potere italiano (lobbies)? Quali sono le cause patologiche della "febbre" al debito (un debito che "viene da lontano")? Ma, anzi, va oltre, penetrandone l'oscurità delle trame, fornendo al lettore una illuminante e chiarificatrice chiave interpretativa. Davvero un bel lavoro.

Note legali