La fine della storia e l'ultimo uomo

Francis Fukuyama

Traduttore: D. Ceni
Collana: Saggi
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
In commercio dal: 19/11/2003
Pagine: 430 p., Brossura
  • EAN: 9788817000147

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Politica e governo - Struttura e processi politici - Democrazia

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 5,40

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    roberto

    18/11/2015 10:16:54

    Ho letto questo saggio appena pubblicato, sull'onda del crollo dell'URSS, quindi qualche annetto fa. Fin dal principio mi e' sembrato talmente fallace e farcito di sciocchezze e errori di interpretazione storica che trovo stupefacente che venga ancora ristampato o che l'autore abbia avuto il coraggio di pubblicare sltri saggi.

  • User Icon

    Francesco

    22/04/2011 13:04:05

    Fukuyama , è un liberale di orientamento filosofico , hegeliano . La sua idea di fondo , esposta nel libro , è che l'evoluzione della storia , l'avvicendarsi di varie forme di Istituzioni e di governo , sia giunta con la democrazia liberale , al suo approdo finale , intendendo con ciò , la fine della lotta tra "Padrone e Schiavo " , che costantemente ha caratterizzato l'evoluzione storica delle società e delle istituzioni politiche che si sono succedute dagli albori dell'umanità sino ai nostri giorni . Le moderne democrazie liberali con il loro sistema di tutela delle libertà personali e dei diritti , garantirebbero quindi ad ogni cittadino il "riconoscimento " , lasciando ad esso anche la libertà di realizzare , secondo le capacità , le proprie aspirazioni . Quelle parti del mondo dove regnano dittature e teocrazie , presto o tardi , finiranno per assumere le medesime istituzioni dell'occidente democratico . In sintesi questa è la tesi di Fukuyama . Ma se penso a determinate problematiche quali , gli effetti destabilizzanti della globalizzazione e le conseguenti difficoltà di coesione sociale , che in tutto l'Occidente sono riscontrabili , è lecito nutrire alcuni dubbi circa il concetto di Fine della Storia . Detto ciò , penso che il libro sia scritto molto bene e offra molti spunti di riflessione .

  • User Icon

    Francesco

    21/04/2011 00:57:15

    Fukuyama , è un liberale di orientamento filosofico , hegeliano . La sua idea di fondo , che espone nel libro , è che l'evoluzione della storia , l'avvicendarsi di varie forme di Istituzioni e di governo , sia giunta con la democrazia liberale , al suo approdo finale , intendendo con ciò , la fine della lotta tra "Padrone e Schiavo " , che costantemente ha caratterizzato l'evoluzione storica delle società e delle istituzioni politiche che si sono succedute dagli albori dell'umanità sino ai nostri giorni . Le moderne democrazie liberali con il loro sistema di tutela delle libertà personali e dei diritti , garantirebbero ogni cittadino lasciando ad esso anche la libertà di realizzare , secondo le capacità , le proprie aspirazioni . Quelle parti del mondo dove regnano dittature e teocrazie , presto o tardi , finiranno per assumere le medesime istituzioni dell'occidente democratico . In sintesi questa è la tesi di Fukuyama e pur nutrendo più di un dubbio sull'idea che l'orizzonte definitivo della Storia sia quello attuale , per non parlare delle difficoltà di coesione sociale e degli effetti destabilizzanti della globalizzazione che in tutto l'occidente sono riscontrabili , penso che il libro offra molti spunti di riflessione e che valga comunque la pena di leggerlo , anche perché è un testo scritto molto bene .

  • User Icon

    MARIO JERRY

    22/04/2004 09:08:36

    dove sta andando l'uomo? questo libro ne traccia un percorso interessante.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione