Fiori d'arancio - Roberto Bracco - ebook

Fiori d'arancio

Roberto Bracco

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 231,17 KB
  • EAN: 9788833462530

€ 0,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una tra le opere meno conosciute di Roberto Bracco, giornalista e raffinato sceneggiatore napoletano, unico insieme a Benedetto Croce a sottoscrivere la  Déclaration de l'indépendance de l'Esprit, proposta da Romain Rolland e pubblicata sul quotidiano socialista L'Humanité il 26 giugno 1919. La sua avversione alla guerra e al fascismo gli costarono, in larga misura, la carriera.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Roberto Bracco Cover

    (Napoli 1862 - Sorrento 1943) drammaturgo italiano. Giornalista, scrisse racconti d’ambiente napoletano, saggi critici, testi per canzoni e soggetti per film. Della sua vasta produzione teatrale, che risente della lezione di Sardou, Dumas, Ibsen, si ricordano soprattutto: L’infedele (1894) e Ad armi corte (1910), commedie di tono spiritosamente mondano sui temi del matrimonio e dell’adulterio; Don Pietro Caruso (1895) e Il piccolo santo (1912), indagini di stati d’animo, attente anche ai motivi del subconscio; Il trionfo (1895) e Maternità (1903), drammi filosofeggianti che analizzano i temi della passione e dell’istinto; Sperduti nel buio (1901) e Notte di neve (1905), quadri di vita delle classi più umili, in cui vibra una dura polemica sociale. Approfondisci
Note legali