Flavours - Sonata in Re Minore per Violoncello e Pianoforte

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Claude Debussy
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 27 novembre 2012
  • EAN: 5029365941624

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Per il suo disco d’esordio per la Brilliant Classics la giovane violoncellista olandese Amber Docters van Leeuwen ha scelto un programma estremamente variegato, che parte con la Sonata op.102 n.2 di Beethoven, uno dei monumenti della letteratura per violoncello del XIX secolo, per proseguire con l’altrettanto famosa Sonata di Debussy. Da questi due pilastri della cameristica, la van Leeuwen ci conduce alla scoperta della produzione tuttora ingiustamente trascurata di Alfred Schnittke, eseguendo la Sonata n.1 per violoncello e pianoforte, un’opera personale e pervasa da una profonda drammaticità scritta nel 1978. Questo stimolante excursus termina con Flavours, una pagina scritta da Eef van Breen per la stessa van Leeuwen, caratterizzata da un coinvolgente stile jazz che alterna ecletticamente toni dolci e amari, arguti e sognanti. Nel complesso, si tratta di un disco di grande interesse, anche grazie alla eccellente prestazione della pianista Taisiya Pushkar.

  • Claude Debussy Cover

    Propr. Achille-Claude Debussy. Compositore francese.L'itinerario artistico e le opere principali. Figlio di piccoli commercianti di porcellane, entrò al conservatorio di Parigi nel 1872, studiando il pianoforte con A.-F. Marmontel e la composizione con E. Giraud. Nel 1884 ottenne il Prix de Rome con la scena lirica L'enfant prodigue (Il figliuol prodigo). A Roma, dove soggiornò dal 1885 all'87, scrisse La demoiselle élue (La fanciulla eletta), su testo di D.G. Rossetti. Rientrato a Parigi, prese a frequentare il salotto di Mallarmé e altri ambienti artistici legati al simbolismo e all'impressionismo. S'interessò, nel frattempo, all'o­pera di Wagner (viaggi a Bayreuth nel 1888 e nel 1889), al Boris di Musorgskij, alle musiche giavanesi ascoltate all'Esposizione di Parigi nel 1889. La maturazione... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali