Topone PDP Libri
Salvato in 3 liste dei desideri
LIBRO USATO
9,30 € 5,02 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
5,02 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
8,84 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,84 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
5,02 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Foglia d'acero - Luisa Adorno,Daniele Pecorini Manzoni - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Il caso, un incontro occasionale con una cugina lontana, ha messo Luisa Adorno sulle tracce di uno "zio Daniele" che fino a quel momento era stato una leggenda di famiglia. Sul finire del secolo, appena laureato, era partito in bicicletta per l'Inghilterra; era diventato funzionario di quell'immenso impero tardovittoriano, passando anni in Estremo Oriente, da dove era ritornato per chiudere la carriera da diplomatico e collezionista d'arte orientale. Ma nello sforzo di ravvivare i contorni sbiaditi di quella figura, di conoscere eventi e moventi, soprattutto di rispondere alla domanda su un misterioso ed esotico amore di Daniele, la scrittrice si imbatte in un diario che finisce col costituire il cuore del racconto.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2001
21 settembre 2001
224 p.
9788838917097

Valutazioni e recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
GraceT
Recensioni: 3/5

Ho acquistato questo libro in una bancarella attirata dalle prime pagine scritte dall'Adorno. L'anziana signora s'intestardisce nel voler capire chi sia il proprietario di alcuni oggetti passati di mano in mano e arrivati fino a lei tramite alcune eredità di parenti. Scopre fortunosamente un personaggio che ha avuto modo nella sua infanzia di conoscere questo zio che per lungo tempo ha vissuto in Oriente al tempo della guerra Russo-Giapponese. Così si spiega la presenza nella sua casa e in quelle di altri cugini di alcune foto di geische, stampe orientali e netsuke. Ma scopre anche che lo zio ha pubblicato un libro ormai dimenticato dove parla, tra le altre cose, di una tenera storia d'amore con una delle geische che compare sempre tra le foto... Le altre cose di cui parla lo zio sono per me molto interessanti, anche se trattate en passant quasi con noncuranza, perchè per me il mondo orientale rimane lontano e poco comprensibile, sopratutto per le diversità culturali. Allora ho trovato accattivanti le spiegazioni sul rapporto tra i giapponesi e la religione, sull'importanza dell'arte e dei dettagli, sull'idea di moralità, ecc. Libro carino, senza troppe prestese ma che può tornare interessante per chi del Giappone conosce ben poco.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Il diario scomparso, dopo un'edizione romana del 1937, e ora ritrovato, aveva un titolo vago, Foglia d'acero, e un sottotitolo didascalico, Scene di vita in Corea e in Giappone durante la guerra russo-giapponese (1904-1905). L'autore era Daniele Pecorini: un "gentiluomo veneto d'antico stampo" (scriveva l'amico curatore) o meglio un padovano senza timidezze, laureato in diritto internazionale, naturalizzato inglese, e da Londra partito per l'Oriente con funzioni commerciali (e diplomatiche, politiche). Pecorini ebbe la sorte di trovarsi poi imparentato, benché lateralmente, con la curiosissima Luisa Adorno che gli ha ridato vita. Pecorini racconta, in terza persona e con il dannunziano pseudonimo Paolo dall'Aquila, incontri e amori esotici. Luisa Adorno racconta, con la bella voce conversevole che le conosciamo, la propria ricerca per atlanti e per treni, e commenta infine il diario facendone emergere la storia d'un amore incupito, un femminile annullarsi per amore. Ma corregge il melodramma accentuando i tratti burattineschi del proprio personaggio. Eccola in treno a Padova, dove scende e corre al decimo binario: "Ma devo ricordarmi che alla mia età le vecchie si rompono i femori". Vedi la forza straniante di un semplice plurale. Così Adorno e Pecorini, diversamente avventurosi, affiancano nel libriccino, a distanza d'un secolo, due opposte esperienze e modalità di scrittura autobiografica.

Lidia De Federicis

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Luisa Adorno

1921, Pisa

Luisa Adorno (pseudonimo di Mila Curradi) è stata una scrittrice italiana. Grazie al nitido, ma anche ironico tratteggio di personaggi e vicende, le piccole virtù delle famiglie borghesi ritratte nei suoi romanzi evocano per contrasto il cupo clima politico dell’Italia del dopoguerra: L’ultima provincia (1962); Le dorate stanze (1985); Arco di luminara (1990, premio Viareggio); Sebben che siamo donne (2000); Foglia d’acero (2001), ricostruzione della vita dell’avventuriero Daniele Pecorini attraverso il suo diario.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore