Le fogne del paradiso. Nizza 1976: la rapina del secolo - Albert Spaggiari - copertina

Le fogne del paradiso. Nizza 1976: la rapina del secolo

Albert Spaggiari

Scrivi una recensione
Traduttore: J. Ricciardi
Curatore: C. D'Ercole
Editore: Oaks Editrice
Collana: Ribelli
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 29 settembre 2016
Pagine: 224 p., Brossura
  • EAN: 9788868011420

78° nella classifica Bestseller di IBS LibriBiografie - Memorie

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 15,30

€ 18,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Racconto autobiografico della "rapina del secolo", compiuta "senza armi, senza odio, senza violenza": come fu lasciato scritto sui muri del caveau della Société Générale svuotato dalla banda di marsigliesi comandata da Albert Spaggiari, che, catturato, riuscì a evadere rocambolescamente per vivere libero fino alla fine dei suoi giorni. Dalle vicende narrate in questo libro sono stati tratti due film. Postfazione di Tomaso Staiti di Cuddia.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Valerio Alberto Menga

    01/03/2017 09:27:24

    E' stato davvero incredibile scoprire questo autore così "improbabile". Nel senso, si intende dire, che non ci si poteva certo aspettare una così abile penna da un ex-militare, bandito e avventuriero come fu Spaggiari. Il suo stile, così vivo e rabbioso, nel solco della miglior tradizione letteraria francese, si inserisce a metà tra Dumas e Céline: «Capiamoci bene, io non sono uno scassinatore. Sono un avventuriero […] Trascorro la maggior parte della mia vita di qua e di là e cerco il tempo su una musica che non esiste più». Questo è l'unico suo romanzo ad oggi edito in Italia, la cui lettura è davvero consigliata. L'autore, al di là delle apparenze, pur essendo di fatto un ladro, è un tipo umano ad oggi in via di estinzione. Uno di quelli che mantengono fede alla parola data e che credono davvero nell'amicizia. Un cuore generoso, uno spirito avventuriero, un uomo con una sua etica ed una estetica. Inutile dire che l'autore non fa più parte del mondo dei vivi. Riposa in Francia, dove è stato riportato il suo cadavere una volta morto, durante la latitanza terminata solo con la sua vita avventurosa. Il romanzo lo si legge tutto d'un fiato; basta leggere le prime pagine per non riuscire a staccarsene più. Provare per credere. Se avrete seguito il consiglio e vorrete approfondire il personaggio, allora è inevitabile la lettura della biografia di Giorgio Ballario pubblicata per Idrovolante edizioni: "Vita spericolata di Albert Spaggiari". Buona lettura e buona avventura.

Note legali