La folla solitaria

David Riesman

Traduttore: G. Sarti
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
In commercio dal: 27 settembre 2009
Pagine: XVII-402 p., Brossura
  • EAN: 9788815133038
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mauro Lanari

    05/07/2010 01:13:17

    "Il saggio sociologico più venduto nella storia americana" ("New York Times"), considerato il precorritore delle analisi di Marcuse e Bauman, appare come uno sproloquio pasticciato, un pastrocchio prolisso e incoerente. La tripartizione di base fra "uomo diretto dalla tradizione", "individuo autodiretto" e "individuo eterodiretto" perde finalmente ogni significato a p. 74: "Il fatto che questo studio focalizzi l'attenzione sullo sviluppo dei modi di conformità permette […] di raggruppare tali sviluppi, che altrimenti andrebbero distinti, perché hanno una cosa in comune: 'la fonte di direzione per l'individuo [..] viene impressa nel corso dei primi anni di vita da parte dei più anziani e diretta verso fini generalizzati, ma nondimeno inevitabili'." Come dire: la storia presenta solo un banale quanto inesorabile transito dalla conformistica e adattiva identificazione col modello della comunità sociale globalmente omogenea, all'identificazione col modello familiare e poi con quello del "gruppo dei pari", il branco di riferimento e appartenenza. Ossia: "spirito gregario" (pp. 83 e 136) uno e trino, cioè "acquiescenza a [precostituiti] valori insoddisfacenti" (p. 38) secondo una triplice tipologia sociopatica. Lentamente Riesman si sposta verso la ricerca d'una soluzione nell'utopia come autonomia, senonché "le poche proposte che abbiamo avanzato sono irrisorie e possiamo concludere la nostra discussione soltanto dicendo che è necessaria una vasta e forte corrente di pensiero creativo e utopistico prima di poter vedere con maggior chiarezza il fine oscuramente posto con la parola 'autonomia'" (p. 399; cf. pure pp. 47 e 51). In effetti non si capisce perché mai un individuo "più attento ai suoi [?] sentimenti e aspirazioni" (p. 402) e a "una struttura caratteriale" più autentica [?] debba anch’essere migliore. La fedeltà a "sé stessi" [?] non fornisce alcuna garanzia di qualità. Difatti si potrebbe sempre obiettare che "la risposta è dentro di noi, e però è sbagliata" ("Quelo"/Corrado Guzzanti).

Scrivi una recensione